Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Passignano sul Trasimeno, vende cocaina nel parcheggio del supermercato: giovane in manette

  • a
  • a
  • a

A mettere sulla pista i carabinieri del Nucleo operativo e radiomobile della compagnia di Città della Pieve era stato un anomalo via vai che negli ultimi tempi i militari avevano notato nel parcheggio di un supermercato a Passignano sul Trasimeno. Un andirivieni sospetto che lasciava supporre la possibilità che in quell’area ci fossero attività di spaccio e che aveva portato a mirate operazioni di monitoraggio. Proprio nel corso di questa attività investigativa, sabato scorso i carabinieri hanno arrestato in flagranza di reato, per spaccio di sostanze stupefacenti appunto, un ragazzo ventiquattrenne di origini straniere trovato in possesso di venti grammi di cocaina e ritenuto responsabile di aver ceduto la stessa sostanza a un acquirente. Testimoni oculari gli stessi militari impegnati nell’attività di monitoraggio.

 

 

“Nella circostanza – spiegano dalla compagnia di Città della Pieve –, l’acquirente è stato subito fermato e trovato in possesso di un involucro termosaldato contenente circa un grammo di cocaina; invece il ventiquattrenne, presunto responsabile del reato di spaccio, è stato sottoposto a un’approfondita perquisizione personale e trovato in possesso di quattro grammi di cocaina occultati sulla propria persona nonché di 290 euro in contanti, verosimilmente provento dell’attività illecita”. Subito prima di intervenire, i carabinieri avevano anche notato il presunto spacciatore recarsi nel vicino bosco per poi chinarsi a terra. Grazie a un successivo controllo nella zona boschiva “i carabinieri – fanno sapere da Città della Pieve – hanno, quindi, trovato un contenitore in plastica per vitamina C, al cui interno vi erano sedici involucri termosaldati contenenti cocaina, identici a quello sequestrato poco prima all’acquirente, per un peso complessivo di 16 grammi”.

 

 

Informato il magistrato di turno, il ventiquattrenne è stato dichiarato in stato di arresto e portato al carcere di Perugia-Capanne, a disposizione dell’autorità giudiziaria in attesa dell’udienza di convalida. L’acquirente è stato, invece, segnalato alla Prefettura competente quale assuntore e gli è stata ritirata la patente di guida. “La zona del Trasimeno – commenta Luca Battistella, comandante della compagnia dei carabinieri di Città della Pieve – è interessata da fenomeni criminali che riguardano prevalentemente furti in abitazione e lo spaccio di sostanze stupefacenti. Entrambi possono essere contrastati con la presenza attiva dei carabinieri sul territorio. La presenza di pattuglie in luoghi e orari considerati strategici, permette ai militari della compagna di Città della Pieve di ottenere risultati sia nel campo della prevenzione sia in quello della repressione, rispondendo alle esigenze di sicurezza della popolazione”.