Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Covid in Umbria, fondo da 4 milioni per micro e piccole imprese contro la crisi

Esplora:

Alessandro Antonini
  • a
  • a
  • a

La Regione dell’Umbria ha creato un fondo prestiti da quattro milioni di euro per le micro e piccole imprese. L’obiettivo è favorire la ripresa economica nella fase post-Covid. Nella delibera approvata ieri due milioni arrivano da Gepafin - con risorse Por Fesr e fondi propri della finanziaria regionale - e altri due milioni saranno finanziati da uno o più cofinanziatori privati, che saranno individuati tramite una manifestazione di interesse gestita dalla stessa Gepafin. 
Saranno erogati prestiti a tasso agevolato da un minimo di 25 mila ad un massimo di 50 mila euro, durata massima cinque anni, con pre ammortamento di 12 mesi. Il tasso per la quota pubblica è di 0,5% mentre per i due milioni messi dai privati si va con l’Euribor più un massimo di 3,75% di spread. Le finalità del prestito sono ad ampio spettro: esigenza di liquidità, sviluppo aziendale, investimenti e magazzino. Tutti gli importi del fondo, ribattezzato “double”, potranno “subire incrementi o variazioni che saranno stabiliti dalla giunta in esito al monitoraggio delle attività”, è scritto nella delibera.


“Si tratta di una misura – spiega l’assessore regionale allo Sviluppo economico, Michele Fioroni – che sarà indirizzata agli investimenti, ma anche al capitale circolante e alla ristrutturazione del debito. Un aiuto concreto - conclude l'assessore - rivolto soprattutto alle micro e piccole imprese, che sono tra le più colpite dalla crisi economica derivante dalla pandemia e che devono dunque essere sostenute in quanto motore del nostro tessuto imprenditoriale”. 
I cofinanziatori privati, una volta individuati attraverso procedura aperta, dovranno “concedere finanziamenti aventi le stesse caratteristiche del finanziamento pubblico ad eccezione del tasso di interesse previsto a condizioni di mercato in modo da escludere elementi di aiuto a favore del finanziatore”, è specificato nell’atto di Palazzo Donini.


La Regione Umbria nell’aprile 2020 aveva già istituito il fondo prestiti Re-start, finanziamenti agevolati affidati in gestione al raggruppamento temporaneo di imprese costituito tra la stessa Gepafin e Artigiancassa spa.