Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Terremoto, proroga sospensione dei mutui. Anci Marche: "Accolte le nostre richieste"

  • a
  • a
  • a

Il decreto Sostegni Ter (art. 21) ha definito la proroga della sospensione dei mutui, nei Comuni del cratere del terremoto del Centro Italia. Lo fa sapere Anci Marche in una nota in cui ufficializza che "la decisione accoglie le istanze da noi presentate per far sì che l'emendamento venisse inserito in questo decreto legge, dopo che invece non era stato compreso nella legge di bilancio". "Si tratta di una decisione fondamentale - commenta Valeria Mancinelli, presidente di Anci Marche - che va incontro alle esigenze dei Comuni del cratere di quattro regioni. Il provvedimento era particolarmente atteso e proroga la sospensione del pagamento dei mutui fino al 31 dicembre 2022".

La presidente di Anci Marche e coordinatrice delle Anci regionali, coinvolte nel sisma 2016, ricorda che "il risultato è stato ottenuto, perché ancora una volta, tutti gli attori istituzionali, a partire dal Commissario alla Ricostruzione, Regioni, Anci e i Comuni, hanno saputo fare fronte comune, convinti che la mancata proroga della sospensione dei mutui, nelle aree del cratere, avrebbe rischiato di inficiare tutti gli investimenti su cui si basa la ricostruzione, a partire da quelli del Cis e del Pnrr e costituito una forte criticità per sistema socio-economico del cratere di quattro regioni".

Il presidente della regione Marche, Francesco Acquaroli, aveva scritto al presidente del Consiglio Mario Draghi proprio per sollecitare la proroga di alcune misure a sostegno delle popolazioni colpite dal sisma. Le richieste, indirizzate anche ai ministri competenti, andavano dalla proroga della sospensione dei mutui, al credito d'imposta, alla continuità operativa degli uffici di Ricostruzione territoriale. Nello specifico, le richieste di Francesco Acquaroli chiedeva la proroga della sospensione dei mutui per i cittadini privati per la prima casa e per l'attività economica inagibile. Anci Marche ora annuncia che le richieste presentate dal premier sono state accettate.