Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Terni, il "guru" del Fantacalcio è un ternano: Ludovico Rossini protagonista su Timvision

Giorgio Palenga
  • a
  • a
  • a

E’ diventato una sorta di “guru” del Fantacalcio, il punto di riferimento dei circa 6-7 milioni di italiani – tanti ne sono stati stimati – che si divertono con quello che è ormai un gioco nazionale al pari del calcio stesso, dando vita a centinaia di migliaia di “leghe” dove si confrontano frotte di fantallenatori.

Ludovico Rossini (nella foto in alto secondo da sinistra), 32 anni, di Terni, studi al liceo classico Cornelio Tacito e poi lauree in storia e in comunicazione, a Fantacalcio ci gioca da sempre fino a quando – era l’agosto del 2020 – non gli si è accesa la lampadina: far diventare quella passione anche l’argomento portante di un canale Youtube, sfruttando però l’esperienza di comunicatore per renderlo appetibile ai milioni di fantallenatori di cui sopra.

 

In breve tempo così Ludovico, fino a quel momento videomaker e autore di progetti di comunicazione, con varie esperienze professionali alle spalle, è arrivato a 85 mila iscritti sul suo canale Youtube e ha ricevuto la chiamata di TimVision, dove è uno degli otto protagonisti di quello che lo stesso canale definisce “il fantasy game ufficiale della Lega Serie A Tim”. Si tratta del programma “Fantacalcio Serie A Tim”, ogni settimana sulla piattaforma con uscita della nuova puntata solitamente tra il giovedì e il venerdì, o comunque il giorno precedente la prima partita della giornata di campionato.

A dividere lo studio (e il gioco) con lui ci sono gli ex calciatori Bernardo Corradi e Gigi Di Biagio, l’influencer Ludovica Pagani, il giornalista e produttore Malcom Pagani, il direttore del Corriere dello Sport nonché conduttore televisivo Ivan Zazzaroni, il telecronista e “voce” del calcio per antonomasia, Pierluigi Pardo, il comico Riccardo Rossi.

Negli studi di via Tiburtina, a Roma, allestiti come uno “Sport Bar in stile Las Vegas” – come scrive la produzione – gli otto si sfidano nella loro lega di Fantacalcio, nella quale, manco a dirlo, Ludovico Rossini, detto non a caso “il professore”, attualmente è al primo posto. Vengono stilate le classifiche, preparate le formazioni da mettere in campo, tenendo sempre a mente le condizioni di forma dei giocatori attraverso i dati forniti dalla App Fantacalcio Serie A Tim. Ed ovviamente, anche se in maniera indiretta, si fanno le pulci anche al campionato “vero” di serie A, con i pareri tecnici illuminati soprattutto dei due ex calciatori e dei due popolarissimi giornalisti sportivi.

Rossini è stato chiamato nel gruppo grazie alla notorietà sul web raggiunta in pochi mesi, sempre in chiave “fantacalcistica”. “A Fantacalcio ho sempre giocato – spiega lo Youtuber ternano – poi, l’anno scorso, ho provato a far diventare questa mia passione qualcosa di più e di diverso. Ho notato che in rete se ne parlava o in modo umoristico, quindi da parte di comici, oppure in modo molto tecnico e specifico. Ho pensato, così, che potesse esserci una nuova modalità, se vogliamo una via di mezzo, creando anche delle storie per evitare la classica chiacchierata statica davanti alla telecamera per 10-12 minuti. E così ho fatto”.

 

 

Ludovico si era posto subito un obiettivo: “Mio fratello, che ha dieci anni meno di me ed è sicuramente più ferrato in certe dinamiche del web – racconta ancora – ha sgranato gli occhi quando gli ho detto che entro il primo mese di video volevo raggiungere i 30 mila iscritti. E invece ci sono riuscito, non proprio in 30 giorni ma quasi, visto che ho tagliato quel traguardo i primi di ottobre sempre del 2020. Ora sono arrivato a 85 mila iscritti al mio canale”.

E con essi, lo scorso settembre, è arrivata anche la chiamata di TimVision. Ma quali sono le dritte per diventare imbattibile a Fantacalcio, proprio come Ludovico? “Di imbattibile, e soprattutto di certo, non c’è niente e nessuno – continua – perché continuo a ritenere che per il 75 per cento conti sempre la fortuna. Certo, aiuta molto conoscere bene le regole, i giocatori e seguire l’andamento del campionato. Piuttosto che prendere il Ronaldo o, quest’anno il Vlaovic della situazione, è preferibile puntare su gente tipo ad esempio Aramu del Venezia, che ha già fatto 5 gol e 3 assist pur in una squadra non di prima fascia. Così come è un uomo da Fantacalcio Pasalic dell’Atalanta, centrocampista che a fine anno ha al suo attivo sempre diversi gol, piuttosto ad esempio che Tonali del Milan, un nazionale che però segna poco e magari prende qualche ammonizione in più”.

Quanto alla lega su TimVision, “per Fantacalcio Serie A Tim – continua Rossini – non sarebbe stato possibile fare una sessione di calciomercato tradizionale, perché sarebbe durata ore, così è stata accertata la mia proposta di un mercato ‘in busta chiusa’, ovvero ognuno di noi ha stilato una lista di nomi, con relativa suddivisione dei crediti a disposizione, così che le contrattazioni alla fine si sono limitate a 6-7 elementi per ciascuna squadra, per i posti rimasti liberi perché per quel giocatore scelto c’era stato chi aveva offerto di più. I punti di forza della mia squadra? Su tutti Berardi, ma anche Milinkovic Savic, Joao Pedro e, appunto, Pasalic”.