Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Umbertide, trova portafogli con 300 euro e lo consegna ai vigili urbani

  • a
  • a
  • a

Commerciante trova portafoglio per terra con 300 euro all'interno e lo consegna alla polizia locale di Umbertide, ricevendo i complimenti del sindaco Luca Carizia e del comandante dei vigili urbani, maggiore Gabriele Tacchia.
Le persone oneste e rispettose degli altri esistono e sono di esempio anche nelle piccole cose. Una commerciante di piazza Gramsci ha consegnato presso gli uffici della polizia locale di Umbertide un portafoglio senza documenti ma con dentro 300 euro ritrovato per terra.
La cittadina senza pensarci un attimo ha consegnato il portafoglio e i contanti presso la Polizia Locale affinché venisse avviato l’iter per la riconsegna al legittimo proprietario.

 

 

“La legge – afferma il comandante della polizia locale, maggiore Gabriele Tacchia - prevede che le cose ritrovate debbono essere consegnate al Comune ove sono state rinvenute affinché vengano restituite al proprietario se immediatamente identificabile oppure affinché venga pubblicato l’avviso all’albo pretorio online. La normativa prevede che in caso di denaro al ritrovatore spetti una piccola percentuale della somma nel caso in cui venga ritrovato il proprietario ma la consegna alla polizia locale è avvenuta da parte della cittadina con pieno senso civico e in totale onestà. Decorso un anno dalla pubblicazione del rinvenimento degli oggetti ritrovati senza che venga identificato il proprietario, è prevista la consegna della cosa mobile a colui che l’ha ritrovata laddove sia interessato a entrarne in possesso”.

 

 

“L'onestà è una delle migliori virtù che una persona possa avere – affermano il sindaco Luca Carizia e l'assessore alla Polizia Locale, Francesco Cenciarini – Alla cittadina che ha compiuto questo gesto vanno il nostro apprezzamento e la nostra riconoscenza per il grande senso civico dimostrato. Fatti come questo mostrano come la nostra polizia locale sia un punto di riferimento per tutta la comunità umbertidese”.