Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Gualdo Tadino, gli sport invernali in Valsorda hanno portato 600 presenze nel fine settimana

Giorgia Spitoni
  • a
  • a
  • a

Sabato 15 e domenica 16 gennaio la montagna di Gualdo Tadino è stata protagonista con i suoi suggestivi paesaggi di una due giorni all’insegna del divertimento sulla neve. Con un’affluenza di circa 600 visitatori, sono stati tanti i cittadini provenienti dall’Umbria e dalle Marche che si sono recati in Valsorda per cimentarsi nelle attività di sci di fondo, sci escursionismo e ciaspole organizzate dall’ads Ski club Valsorda Matarazzi, da oltre quarant’anni presente sul territorio con tutta una serie di opportunità pensate per chi ama gli sport invernali.

 

 

Abbiamo ricevuto soprattutto gruppi associativi e familiari - riferisce Mara Loreti, presidente dell’associazione di Gualdo Tadino - la maggior parte dei quali ha percorso i tracciati di sci di fondo, in pista Chiavellara e pista della Caciera, mentre altri più esperti, conoscendo le montagne, si sono avventurati verso le vette di monte Serrasanta, monte Nero e monte Penna, chi con sci da fondo e chi con le ciaspole. Non sono mancati i bambini, che hanno giocato con gli slittini”.

 

 

L’iniziativa è stata anche occasione di ritrovo tra amici, iscritti o affezionati all’associazione, che dagli anni ‘80 raggiungono la vallata uniti dalla passione per lo sci. “E’ da allora che il sodalizio tra lo Ski club Valsorda Matarazzi e lo Csen-Coni promuove sciate, ciaspolate e raduni, con il patrocinio del Comune di Gualdo Tadino e la collaborazione della Provincia di Perugia per l’apertura in sicurezza della strada provinciale Sp 239 e la battitura delle piste, effettuata insieme al Centro escursionistico nazionale di speleologia - ricorda Loreti - Una preziosa sinergia, che merita di essere rafforzata nell’ottica della valorizzazione turistica e ambientale della fascia appenninica gualdese, specialmente a fronte dell’entusiasmo mostrato dai partecipanti di quest’ultima esperienza, che ha senz’altro ripagato l’impegno profuso dai ragazzi dello ski club e del Cens nei giorni precedenti l’annuncio della nevicata”.