Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Covid in Umbria, in 24 ore aumentate del 62,7% le classi in isolamento nelle scuole. I comuni coinvolti sono 22

Esplora:

Alessandro Antonini
  • a
  • a
  • a

Continua a crescere il contagio a scuola. Con incrementi importanti. Ieri mattina, stando ai dati forniti dalla Regione e relativi alle 24 ore precedenti, erano 109 le classi in isolamento. Più 62,68% rispetto al giorno prima, quando le classi isolate erano 67. Le aule in attenzione sono passate da 98 a 100.
Sono 22 i comuni coinvolti: per numeri spiccano Perugia , con 37 classi in quarantena, Terni (16), Bastia Umbra (9), Assisi (8). E a seguire: Amelia e Castiglione del Lago con 5 a testa, Marsciano 4, Panicale, Torgiano e Città di Castello 3 a testa. A quota 2 classi isolate per comune troviamo Corciano, Magione, Todi e Gubbio. Con una classe Gualdo Tadino, Giano dell’Umbria, Cannara, San Giustino, Passignano, Arrone, Attigliano e Otricoli.


I casi si concentrano soprattutto su nidi, infanzia ed elementari,  a causa delle norme di isolamento più stringenti.
In particolare, stando al report di ieri, su 109 classi isolate 59 erano riferite alle scuole della fascia 0-6 anni, 35 alle primarie, 5 alle medie, 5 alle superiori, 3 negli istituti omnicomprensivi e due per contagi sviluppati negli scuolabus.
Il dato scolastico è in crescita mentre l’incidenza dei contagi nel suo complesso in Umbria è in costante discesa. 
Questo è dovuto come detto alle “regole d’ingaggio” per le quarantene per i più piccoli. In nidi e materne con un solo caso positivo ci sono 10 giorni di sospensione. Alle elementari con un positivo nella classe è prevista la sorveglianza con test antigenico rapido o molecolare appena si viene a conoscenza del caso di positività.

Il tampone si deve ripetere dopo cinque giorni. Se i casi positivi sono due, dad per 10 giorni. Per medie e superiori fino a a due casi di positività nella classe si applica l'autosorveglianza con l'utilizzo di mascherine Ffp2 e con didattica in presenza. Con tre casi scattano i distinguo per chi ha completato il ciclo vaccinali e chi no. Tutti in dad sopra i tre. Il Cts regionale aveva chiesto di procrastinare la scuola in presenza, in particolare per elementari e medie, fino alla fine del mese. La Regione ha deciso di riaprire il 10.