Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Narni: Ermes Maiolica annuncia l'approdo a Le Iene. L'ennesima fake news?

Cesare Antonini
  • a
  • a
  • a

“Il mio ruolo nel programma de Le Iene, oltre a scovare truffe online, sarà quello di verificare sempre le fonti ed evitare scivoloni come blu whale, servizi pseudo scientifici e il modus operandi sensazionalistico che ultimamente ha divorato questo programma”.

A parlare è Ermes Maiolica (o Vincenzo Ceramica anche se all’anagrafe è Leonardo Piastrella), sulla news data da lui stesso relativa all’annuncio dell’ingaggio che avrebbe concordato con la produzione del celebre programma d'inchieste giornalistiche di Italia 1. Ci sarà da fidarsi? Del resto Maiolica - originario di Narni, in provincia di Terni - è stato “il re delle bufale”, delle “fake news” e da Le Iene ancora non sono arrivate conferme.

 

Ermes ultimamente si era riciclato come re... dei cacciatori di “bufale”. In un’intervista rilasciata al Corriere mesi fa aveva raccontato proprio il suo nuovo ruolo, finito addirittura in un progetto europeo chiamato YouthMythBusters. L’azione mira a promuovere l’impegno dei giovani e delle persone a rischio di esclusione sociale per migliorare il loro pensiero critico e l’alfabetizzazione mediatica al fine di rafforzare la democrazia e combattere la manipolazione, la propaganda e le notizie false. Il tema è serissimo, in effetti, basta vedere cosa capita tutti i giorni sui social.

 

Inoltre, al netto del mix tra realtà e finzione in cui è immersa la satira di Maiolica, le sue competenze sarebbero perfette per il ruolo che dovrebbe avere nelle Iene: “Il fenomeno è partito come un gioco e per aggirare il potere manipolatorio della stampa, alla fine è diventato un problema planetario e sono iniziate a circolare le prime bufale politiche. Non ci si è resi conto di quello che stava accadendo e, adesso, dilagano i complottismi sul 5G, sul virus creato in laboratorio, sui vaccini e tanto altro ancora”.

Ma ci si può fidare dell’annuncio di Maiolica? Solo Le Iene possono confermarlo. O smascherare l’ultima delle “fake” del metalmeccanico narnese.