Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Giochi de le Porte, salta la cerimonia del Bussolo

  • a
  • a
  • a

Il Bussolo è la cerimonia storica con la quale, nel mese di gennaio solitamente la prima domenica dopo la festa del Beato Angelo, viene scelto il Gonfaloniere dell’ente Giochi de le Porte. Anche per quest’anno però non sarà possibile rispettare tale scadenza. Lo fa sapere lo stesso Ente Giochi che comunica la decisione di rinviare “a data da destinarsi la cerimonia del Bussolo”. La carica del Gonfaloniere rimarrà, sino allo svolgimento del nuovo Bussolo, nelle mani di Andrea Farinacci priore di Porta San Martino. “L'Ente Giochi de le Porte di concerto con il comune di Gualdo Tadino e Porte rende nota la decisione di rinviare a data da destinarsi la cerimonia del Bussolo prevista per il 16 gennaio 2022.

 

 

E ancora: "Nella consapevolezza che la nomina del Gonfaloniere rappresenta un momento fondamentale per il mondo dei Giochi de le Porte, la carica sarà ricoperta pro tempore dal Priore di Porta San Martino Andrea Farinacci. Le contingenze attuali legate alla situazione epidemiologica rendono la decisione dovuta e necessaria per le caratteristiche della cerimonia stessa, ricca di significati e rituali che non possono trovare espletamento diverso da quello canonico e rigoroso. Ci uniamo alle istituzioni nell'invitarvi al massimo rispetto delle regole in materia di contenimento dell'emergenza sanitaria” concludono. Il Bussolo è una delle manifestazioni principali del mondo dei Giochi che si svolge secondo l’antico cerimoniale, con il consiglio dei 48 che sceglie chi tra i quattro priori assumerà il gonfalonierato. “Con la Costituzione” sul funzionamento della magistratura della Terra di Gualdo emanata il 22 novembre 1489 da Giulio Cesare Cantelmo, governatore in temporalibus et spiritualibus, di Gualdo, Nocera, Assisi e Foligno, prende forma il Bussolo, inteso come sistema di elezione del nuovo Gonfaloniere.

 

 

Ma Bussolo è anche il nome dell’urna di legno, di varie forme, destinata a contenere le palle colorate per l’elezione. Il Bussolo prevede un corteo muove dal palazzo del Comune per recarsi poi all'interno della chiesa di San Donato, con chiarine, nonché i Priori accompagnati dai propri portaioli, grandi elettori del Bussolo. Tutte cose impossibili da realizzare stante la normativa anti Covid-19 e da qui la decisione del rinvio. I Priori avranno tempo per pensare alla proposta che ognuno dovrà presentare nella serata del Bussolo e la scelta avverrà sul progetto per la città attraverso il voto del consiglio dei quarantotto. Questa votazione si terrà con il sistema della pallina colorata che sostituisce quelle vecchie in ferro.