Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Covid in Umbria: boom di prenotazioni per i vaccini, esauriti i posti liberi. La Regione: "Amplieremo le agende"

Esplora:

Alessandro Antonini
  • a
  • a
  • a

Aumentano le prenotazioni dei vaccini e in meno di due giorni, tre ieri e l’altro ieri, si sono bloccate di nuovo le agende per gli hub delle Usl. Circa 20 mila posti aggiuntivi esauriti in meno di 48 ore. 
La Regione annuncia un ulteriore ampliamento dei posti disponibili a partire dalla prossima settimana con il potenziamento della macchina vaccinale.
Il commissario regionale all’emergenza, Massimo D’Angelo, conferma che “sono stati messi a disposizioni tre mila posti per la prima dose della fascia 5-11 anni e nel giro di poche ore sono andati esauriti. Lo stesso vale per oltre 16 mila posti aggiuntivi aperti per prime e terze dosi degli over 12. Un plauso alla popolazione umbra per l’ampia adesione alla campagna vaccinale in questo momento decisivo. Ho dato mandato di ampliare ulteriormente le agende a partire da lunedì (domani, ndr) e martedì. Stiamo lavorando la potenziamento del sistema di vaccinazione”, conclude D’Angelo. Il commissario ricorda che i vaccini sono sempre prenotabili anche attraverso i medici di base e le farmacie.

Ma il canale privilegiato degli utenti resta il sistema regionale degli hub territoriali. A ieri niente da fare per le terze dosi, se non per i 16 mila posti in più subito terminati. Si attende l’apertura dalla prossima settimana del nuovo hub già allestito lungo la E45 a Pantalla, a mezzo chilometro dall’ospedale della Media Valle del Tevere. Appuntamenti sospesi anche per la fascia 5-11 anni, si diceva. Sul sito della Regione a ieri campeggiava ancora la scritta: “Non sono disponibili posti per prime dosi pediatriche in questo momento. Riprovare nei prossimi giorni”. Le tre mila opzioni in più non sono bastate. D’Angelo annuncia anche che è al lavoro per incrementare la potenzialità degli hub pediatrici.


Non è mancato l’effetto prime dosi sia per la fascia degli studenti in vista del rientro a scuola sia degli over 50 non vax che rischiano la sanzione dopo l’introduzione dell’obbligo con l’ultimo decreto del governo. Stando ai dati forniti da Umbria digitale dal 6 al 7 gennaio si è passati da 474 a 3.818 prenotazioni di sole prime dosi. Di queste, per la fascia over 50 si è passati da 203 prenotazioni del 6 gennaio a 516 del 7. I dati parziali di ieri mattina sono di 188. Nel frattempo le agende si sono richiuse causa mancanza di posti disponibili, per cui per centinaia di umbri è stato impossibile accedere al sistema. Nelle 3.818 prenotazioni del 7 hanno inciso sì gli ultracinquantenni (restano 35.000 i no vax umbri per questa fascia d’età) ma sono state decisive le richieste per la fascia pediatrica e studentesca.