Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Covid in Umbria, stop alla prenotazione dei vaccini per le terze dosi e le somministrazioni ai bambini

Alessandro Antonini
  • a
  • a
  • a

Non ci sono più posti liberi negli hub vaccinali dell’Umbria, prenotazioni bloccate per le terze dosi e le vaccinazioni  dei bambini tra 5 e 11 anni. A quattro giorni dal rientro in classe, la campagna per elementari e prima media è ferma. Idem per la dose booster che dovrebbe concorrere ad arginare la variante Omicron. E’ quanto risulta dal sito della Regione: a ieri a chi provava a prenotare l’iniezione addizionale otteneva la schermata con su scritto “In questo momento non ci sono posti liberi per la vaccinazione, riprova”. Così per tutta la giornata. Per le vaccinazioni dei bambini idem: “Non sono disponibili posti per le prime dosi pediatriche. Riprovare nei prossimi giorni”.

Le altre strade per tentare la vaccinazione sono quelle delle farmacie convenzionate con la Regione per questo tipo di servizio e dei medici di base ma anche qui i posti scarseggiano. Le agende negli hub al momento sono bloccate e dovrebbero riaprire dal 10 gennaio. Il blocco attuale è dovuto all’alto tasso di adesione alla dose booster e al personale per la vaccinazione che deve essere implementato per riuscire ad ampliare le agende: a ieri 303.153 vaccinati (+2,6% in 24 ore) pari al 35,33% della popolazione. Ma procedono anche la prima dose (711.550 vaccinati, +0,12% in un giorno, copertura all’82,55%) e la seconda (711.550, +0,11, 81,3a%). La quota giornaliera delle somministrazioni, in tutto, torna a sfiorare le 10 mila unità (9.520 ieri) ossia lo standard più alto dall’inizio della campagna. Il problema è che le scorte rimanenti di questo passo non durano due giorni. A fronte di 160.028 prenotati restano a disposizione 12.127 dosi (fonte Ministero), dato che l’Umbria ha ne ha ricevute 1.691.243 e ne ha somministrate 1.679.116, con un tasso del 99,3%, sopra la media nazionale del 98,8%. 


Il commissario regionale per l’emergenza, Massimo D’Angelo, assicura che le dosi aggiuntive arriveranno (ieri ne sono state consegnate 5.500 di Moderna da Sda tramite Poste italiane) e annuncia “che le agende verranno riaperte da lunedì”. Poi da domani “è prevista l’apertura notturna dell’hub di Ammeto di Marsciano e questo vale tutti i giovedì e i venerdì dalle 20,30 alle 23,30 proprio per aumentare la capacità vaccinale. Se scarseggiano le scorte? Sono certo che quelle aggiuntive arriveranno”. Sempre con l’obiettivo di potenziale la campagna vaccinale, D’Angelo conferma che “è in arrivo un team vaccinale dell’Esercito, sia per le vaccinazioni che per i tamponi”.