Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Il sindaco di Gualdo Tadino positivo al Covid: “Sto bene grazie al vaccino”

  • a
  • a
  • a

E’ positivo al Covid il sindaco di Gualdo Tadino, Massimiliano Presciutti. A rendere noto l’esito del tampone molecolare a cui si era sottoposto dopo il contatto stretto con una persona risultata poi positiva è lo stesso primo cittadino. “Sto bene e sono senza sintomi, fortunatamente la carica virale è bassa e non posso che ringraziare il vaccino. Per questo approfitto per dire a tutte le persone di vaccinarsi, solo il vaccino ci può proteggere” ha dichiarato. Presciutti, dal momento che da oggi 16 dicembre è possibile vaccinare anche i bambini dai 5 agli 11 anni, approfitta per rivolgere un appello ai genitori: “Da domani (oggi, ndr) sarà possibile prenotare. I bambini sono i più colpiti in questa fase, quindi è necessario vaccinare anche loro. Ai genitori dico di avere fiducia nella scienza e di prenotare senza esitazione”.

 

 

Altre parole il primo cittadino le spende per ricordare di rispettare le regole. “Capisco che vicino alle festività si sente il bisogno di frequentare le persone ma bisogna rispettare le disposizioni di isolamento disposte dalla Asl. Contagiarsi non è una colpa ma è necessario fornire un elenco dettagliato delle persone con cui si è stati a contatto per permettere il tracciamento. Io mi sono auto-isolato da domenica proprio per non creare pericoli ad altri. Chi non rispetta le regole incorre in reati di tipo penale e in sanzioni fino a 3mila euro. Io lavorerò dalla quarantena ma ricordo a tutti di continuare a usare i presidi di protezione”.

 

 

“E’ un momento difficile per tutti – ha scritto poi sul suo profilo social - io ci sono anche da casa, sto cercando di fare ciò che posso, tornerò presto anche in presenza. Ve lo prometto”.  Ieri i casi di positività in città sono arrivati a 73, due dei quali ospedalizzati. “Tutti gli altri – ha aggiunto su Facebook – non rilevano sintomi particolari, anzi in gran parte sono asintomatici e giovanissimi in età scolare e le loro famiglie, a volte anche allargate”.