Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Perugia, nuova vita per il 100dieci caffè. Il locale riapre dopo quasi due anni

Gabriele Burini
  • a
  • a
  • a

Un regalo di Natale in anticipo per gli studenti di Perugia. Da ieri, infatti, ha riaperto il 100dieci caffè di via Alessandro Pascoli, nella zona universitaria.
Il locale detenuto dall’Adisu (Agenzia per il diritto allo studio universitario dell’Umbria), ha riaperto dopo quasi due anni e a seguito dell’affidamento in concessione per la durata di sette anni, avvenuto tramite bando pubblico, sarà gestito da una compagine costituita da tre realtà: Sgm Italy, Ics Appalti e Overmultiservices.

 

 


“Il 100dieci caffè era chiuso dal primo lockdown - dice Attilio Bernardini, responsabile della struttura anche nella precedente gestione - Poi c’è stato il cambio di gestione e ora eccoci qua. L’obiettivo è tornare ad essere, come in precedenza, una caffetteria di mattina, un luogo per la consumazione di pasti a ora di pranzo. Vorremmo poi sviluppare anche la fascia pomeridiana e serale dell’aperitivo e, quando otterremo le licenze di pubblico spettacolo per i locali da ballo, tornare a fare serate come il Mercoledì rock. La nostra volontà è ridare a studenti e centro storico uno spazio idoneo anche per gli eventi. Speriamo che lo studente ora torni a rivivere a pieno regime la vita universitaria in facoltà, dopo che gli spazi dell’ateneo sono stati riaperti al 100%”. 
Il locale rimarrà aperto fino alle festività natalizie, per poi riaprire le porte dopo la Befana. “Speriamo di tornare a pieno regime con la ripresa delle lezioni a febbraio. Gli studenti e il personale che lavora nelle facoltà hanno accolto di buon grado questa riapertura, l’aspettavano da tempo”.
E in effetti già da ieri molti universitari sono tornati a frequentare il 100dieci anche come spazio per studiare. “Passavamo molto tempo qui prima del lockdown - commentano Gabriele Perna e Ginevra Civitelli - Abbiamo trovato un locale diverso, più giovanile e luminoso. E’ una tradizione per Perugia ed è un bene che sia tornato ad accoglierci”.

 


Per il direttore generale di Adisu, Maria Trani, il 100dieci “è uno dei punti di riferimento aggregativo dei giovani studenti di Perugia. Per la città di Perugia e per gli studenti universitari la riapertura dello storico locale rappresenta un ulteriore passo verso la normalità. La riapertura del locale ha comportato anche la realizzazione di importanti aggiornamenti strutturali e di adeguamento degli standard di sicurezza. La nuova gestione assicurerà il tradizionale servizio bar, ristorazione, panineria, pizzeria, oltre ad una importante offerta di eventi culturali, intrattenimento e animazione. Il 100dieci, divenuto nel corso degli anni un importante punto di riferimento studentesco, è stato anche volano per il coinvolgimento di iniziative culturali e sociali promosse da altre associazioni culturali del territorio e studentesche. Proprio questa capacità attrattiva ha reso il locale uno dei poli aggregativi della città nel corso della decade 2010 – 2020: auspico che possa continuare ad essere per gli studenti che vivono a Perugia un luogo dove essi possano riprendere a vivere i loro momenti di socialità di cui si sente, ancor più in questo momento storico, tutta l’importanza”.