Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Cannara, controlli nei cantieri edili: denunciate tre persone e multe per 15 mila euro

  • a
  • a
  • a

Anche nei giorni che precedono il periodo natalizio, non si arresta l’attività di prevenzione degli militari della compagnia carabinieri di Assisi. Le attività di controllo sono state estese anche ai cantieri edili, per il controllo del rispetto delle normative sul lavoro ed impedire qualsivoglia tipo di infiltrazioni. 
Il recente controllo effettuato dai carabinieri della stazione di Cannara, di concerto con il personale specializzato del Nucleo carabinieri ispettorato del lavoro, si è concluso con la denuncia in stato di libertà a carico di tre persone per presunte, molteplici ipotesi di violazioni della normativa sulla sicurezza dei cantieri ed al controllo dei green pass per i lavoratori. 

 

 

Nell’ambito del medesimo accertamento i militari hanno contestato violazioni amministrative per complessivi 3.400 euro e ammende per complessivi euro 11.670,82, disponendo il provvedimento di immediata sospensione delle attività lavorative sino al ripristino delle regolari condizioni di sicurezza. 
I militari del nucleo operativo e radiomobile hanno arrestato una donna nei cui confronti era pendente un ordine di carcerazione per le ipotesi dei reati di ricettazione e possesso illegale di armi da sparo, per i quali era stata condannata alla pena di due anni di reclusione.  La donna, rintracciata a Santa Maria degli Angeli, è stata tradotta al carcere di Capanne.

 

 

È invece dei militari della stazione di Valfabbrica, un’ulteriore denuncia a carico di un uomo presunto responsabile di varie ipotesi di reato, tra i quali quelli di danneggiamento ed atti persecutori, nei confronti di un altro soggetto. La diatriba tra i due, che ormai si protrarrebbe da svariato tempo, sarebbe sfociata in una vera e propria attività persecutoria fatta di frasi offensive e diffamatorie, e culminata con vari danneggiamenti. La denuncia presentata dalla vittima, ha dato il via alle attività investigative dei militari che sono riusciti a ricostruire le dinamiche, da cui è scaturita la denuncia in stato di libertà nei confronti del presunto autore delle condotte incriminate.