Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Terni, Ast: fermata ridotta per le feste di Natale, a dicembre 85mila tonnellate di acciaio liquido

  • a
  • a
  • a

Fermata ridotta all’Ast di Terni durante il periodo natalizio 2021-22, considerando le richieste del mercato ed anche anche lo spettacolo in programma all’interno dello stabilimento a Capodanno, “L’anno che verrà”.

Il reparto acciaieria, acc, ferma dalle 18 del 24 dicembre 2021 alle 6 del 3 gennaio 2022, mentre il treno a caldo, lac, sempre dalle 18 del 24 alle 6 del 27, ma nei giorni 29/30/31 sarà effettuata manutenzione. Soltanto fermata sindacale ai reparti pix e centro di finitura, cdf, e meccanica delle Fucine, al tubificio qualche giorno di stop in più rispetto alle altre divisioni, dalle 22 del 22 dicembre 2021 alle 6 del 3 gennaio 2022.

 

L’azienda ha espresso la volontà di non procedere all’apertura della cassa integrazione e si è impegnata a farsi carico di tutti coloro che non vorranno far ferie utilizzandoli in altre attività. Nonostante i giorni di fermata in calendario, considerevole budget dei volumi produttivi per il mese di dicembre. Ai forni dell’acciaieria saranno colate 85 mila tonnellate di acciaio liquido, al treno a caldo laminate 93.500 tonnellate, mentre a pix e al centro di finitura sono previste 46 mila tonnellate di laminazione a freddo, laf, e 19 mila di nastri a caldo, nac.

Al tubificio, data la crisi dell’automotive, sono a budget soltanto 2.100 tonnellate, di cui 400 di tubo decorato.

 

Lo sciopero generale dei metalmeccanici umbri proclamato per venerdì 10 dicembre 2021 dalla Fiom Cgil confluisce nello sciopero nazionale indetto da Cgil ed Uil per giovedì 16 dicembre 2021. In un comunicato la Fiom spiega che “rimangono intatte le motivazioni relative alla manovra sbagliata su fisco e pensioni”. Il 16, alle 10.30, è anche in programma la tradizionale messa di Natale presso la Cattedrale di Santa Maria Assunta di Terni. Ad officiare la funzione sarà il vescovo, mons. Giuseppe Piemontese ma per l’amministratore delegato di Ast, Massimiliano Burelli, è l’occasione per tracciare un bilancio dell’anno fiscale di Ast da qualche mese passato in archivio, in particolare sui conti economici che dovrebbero essere tornati positivi, con oltre 100 milioni di utili.