Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Città di Castello, maxi rissa davanti a discoteca: dieci denunciati

  • a
  • a
  • a

Una rissa per qualche sguardo di troppo e un apprezzamento colorito verso una ragazza. E, forse, vecchie ruggini. E’ successa martedì sera 7 dicembre davanti a una discoteca altotiberina, finita con la denuncia di dieci giovani, tutti di età compresa tra i 20 e i 25 anni. Ma le indagini del commissariato tifernate non sono finite, i giovani a questo punto rischiano anche il daspo urbano oltre a chiare conseguenze penali. 

 

 

Era notte fonda quando alla sala operativa del commissariato o di Città di Castello è giunta la richiesta di intervento per una rissa in prossimità di una discoteca della zona. Subito è stato attivato il dispositivo di pronto intervento con l’immediato invio degli equipaggi sul posto. Giunti sul posto, gli agenti hanno subito notato la presenza di un gruppo di persone all’esterno del locale. Hanno quindi cercato di ricostruire la dinamica dei fatti, grazie alle dichiarazioni dei testimoni e verificando lo stato dei luoghi, rilevando che poco prima del loro arrivo si era verificato un parapiglia che aveva coinvolto più persone, tutti di giovane età, alcuni dei quali ancora con i segni della colluttazione. Gli accertamenti condotti dai poliziotti hanno consentito di identificare dieci persone, di età compresa tra i 20 e i 25 anni, i quali verranno denunciati per rissa aggravata. Durante il sopralluogo è stato rinvenuto e sequestrato anche un coltello con una lama di circa dieci centimetri. 

 

 

Il tempestivo intervento degli agenti è stato reso possibile grazie al potenziamento di tutti i servizi di controllo del territorio, disposti nella provincia dal Questore di Perugia finalizzati all’osservanza delle nuove disposizioni in vigore per il contenimento della pandemia, nonché alla prevenzione e contrasto dei fenomeni criminosi, oltre che di ogni altra forma di illegalità.
Indagini a tutto campo sempre degli agenti del commissariato per dare nomi e volti ai protagonisti di tre furti in appartamento, consumati nella notte tra lunedì 6 e martedì 7 dicembre a San Secondo. Gli agenti del commissariato hanno in mano elementi importanti, che potrebbero portare nel giro di pochi giorni all’individuazione della banda che sta facendo preoccupare gli altotiberini, visto il ripetersi di furti in appartamento.