Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Gubbio, torna a brillare l'Albero di Natale più grande del mondo. Ad accenderlo è stata l'Avis. I numeri del record

Euro Grilli
  • a
  • a
  • a

Alle 19,03 di martedì 7 dicembre, il presidente nazionale dell’Avis, Gianpietro Briola ha acceso per la 41esima volta l’albero di Natale più grande e più bello del mondo dal palco della pista ciclabile Le Querce, a San Biagio, a Gubbio, in provincia di Perugia. Il “Gigante buono”, con il sottofondo del suono del Campanone e sotto la “pioggia” di mille fuochi d’artificio, ha iniziato a illuminare il mondo con il suo messaggio di pace e nel segno di nuova speranza e della ripartenza. Nato dall’intuizione dell’artista eugubino Enzo Grilli che nel 1980 accese la prima stella nell’orto della basilica di Sant’Ubaldo e l’anno successivo durante una cena che organizzò nel convento dei frati, promosse la sua realizzazione, l’albero ha emozionato tutti con le sue luci straordinarie che brilleranno nel cielo fino al 9 gennaio.

Sul palco oltre al sindaco Filippo Stirati e al vescovo Luciano Paolucci Bedini, la presidente della Regione, Donatella Tesei, il prefetto Armando Gradone e il nuovo questore Giuseppe Bellassai, autorità politiche e militari. Inoltre il presidente degli alberaioli Fumanti, gli altri rappresentanti dell’Avis dal consigliere nazionale Magara, il presidente regionale dell'Umbria Marconi, il presidente provinciale di Perugia Meniconi, e il presidente della sezione di Gubbio, Ghigi. La cerimonia ha vissuto momenti di spettacolo con l’esibizione del Gruppo Sbandieratori e, per la prima volta, della Fanfara dei Bersaglieri guidata dal maestro Renzo Reggianini. Il sindaco e il vescovo, oltre ai complimenti agli alberaioli per aver realizzato per la 41esima volta un capolavoro di assoluta bellezza hanno ricordato l’importanza di Avis “scelta quanto mai azzeccata”, i valori della solidarietà, della condivisione, dell’aiutare il prossimo, del prendersi cura l’uno degli altri.

Il presidente degli alberaioli Fumanti: “Abbiamo ritenuto importante riconoscere pubblicamente il grande sforzo messo in campo da Avis per fronteggiare il Covid”. La governatrice Donatella Tesei: “Una serata magica e con questa accensione si accende il Natale dell’Umbria. Tante le iniziative, ma l’albero di Gubbio è emblematico ed è significativo e molto bello che ad accenderlo sia l’Avis, campione di solidarietà”. E poi la conclusione: “E speriamo che questa ripartenza preceda il ritorno, quest’anno, della Festa dei Ceri che ci manca tanto”. La diretta streaming dell’accensione è stata seguita da migliaia di contatti da più di 90 paesi nel mondo e da tutte le comunità degli Eugubini nel mondo. L'albero dal 1991 è stato inserito nel Guinness dei primati. Ha una base di 450 metri, per oltre 750, 1000 metri quadrati di superficie, 250 luci per la stella cometa sulla Rocca, 300 luci della sagoma dell’Albero, 400 all’interno della sagoma, 7 chilometri e mezzo di cavi, 1350 prese per le connessioni di cavi e punti luce.