Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Umbria, la pubblica amministrazione assume 22 professionisti per i progetti Pnrr. I profili ricercati e come fare domanda

Esplora:

Sabrina Busiri Vici
  • a
  • a
  • a

La Regione Umbria arruola 22 esperti destinati a occuparsi dei progetti del Piano nazionale di ripresa e resilienza. C'è tempo fino a lunedì 6 dicembre alle 14 per presentare la propria candidatura. In tutta la Penisola ne saranno inseriti mille per trenta profili messi a bando secondo le direttive previste dal Decreto Incarichi. Gli avvisi sono stati pubblicati lo scorso 30 novembre in Gazzetta Ufficiale e prevedono l’inserimento delle figure con contratto di collaborazione. I compensi variano a seconda del profilo che viene richiesto e delle responsabilità che dovranno essere affrontate, ma sono piuttosto alti. Per esempio, per un incarico di collaborazione che va dal primo gennaio 2022 al 31, dicembre 2022 con facoltà di rinnovo, per un ingegnere energetico, è previsto un corrispettivo massimo di 108 mila euro all’anno al lordo degli oneri accessori di legge a carico dell’amministrazione e dell’Iva.

La procedura dovrà essere completata dalle pubbliche amministrazioni entro il 31 dicembre per garantire l’operatività dall’inizio dell’anno. Gli avvisi pubblici riguardano inserimenti in Regione Umbria che saranno così ripartiti: un ingegnere civile per inserimento nel settore Valutazioni e autorizzazioni ambientali; un ingegnere energetico nel settore Rinnovabili; un ingegnere chimico nel settore Rinnovabili; due ingegneri ambientali nel settore Valutazioni e autorizzazioni ambientali; un geometra sempre nel settore Rinnovabili; un geologo nel settore Valutazioni e autorizzazioni ambientali; tre esperti per il monitoraggio dei sistemi complessi; sette esperti in edilizia; due esperti in digitale; due amministrativi per inserimento nel sistema Appalti e un biologo per il settore Valutazioni e autorizzazioni ambientali.

I professionisti saranno selezionati in base al loro curriculum. Un numero di candidati pari ad almeno il quadruplo delle figure richieste verrà poi invitato a sostenere un colloquio. Nel portale si specifica anche che si terrà conto delle parità di genere. Per ulteriori informazioni è possibile consultare il sito www.inpa.gov.it