Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Terni, giovane morto nel sonno: disposta l'autopsia, accertamenti su computer e cellulare

  • a
  • a
  • a

Il sostituto procuratore della Repubblica di Terni, Marco Stramaglia, che coordina le indagini, affiderà l’incarico dell’autopsia del 17enne trovato morto in casa venerdì 3 dicembre 2021, a Terni, al medico legale Massimo Lancia ed alla collega Paola Melai, gli stessi che relazionariono sulle cause del decesso di Flavio Presuttari e Gianluca Alonzi Peralta, i due adolescenti morti nel sonno nell'estate del 2020.

 

L’incarico dell’esame autoptico e di quello tossicologico sulla salma del 17enne rider ternano trovato senza vita dai soccorritori del 118, verrà formalizzato nella giornata di lunedì 6 dicembre, mentre le operazioni peritali verranno svolte il giorno dopo, martedì 7, presso l'azienda ospedaliera di Perugia, stante l'ormai nota impossibilità tecnica di eseguire autopsie al Santa Maria di Terni.

In base ai risultati, l’indagine condotta dalla procura di Terni e dalla squadra mobile della questura, coordinata dal dirigente, Davide Caldarozzi, prenderà una direzione ancor più chiara.

Gli accertamenti condotti sul luogo del tragico ritrovamento così come l’esame esterno della salma del giovane, non avrebbero dato corpo ad ipotesi diverse dalla morte per cause naturali, che resta pertanto la prima al vaglio degli inquirenti.  Ma l’età del ragazzo, le sue buone condizioni di salute - per ciò che era dato sapere - i noti tragici fatti accaduti in passato in città a ragazzi giovanissimi, spingono, logicamente e giustamente, gli inquirenti ad analizzare ogni singolo dettaglio per determinare con assoluta certezza le cause di una tragedia improvvisa e inaspettata.

 

Il 17enne sarebbe morto alcune ore prima del ritrovamento, probabilmente nel corso della notte, quindi nel sonno. A terra, sul pavimento, gli inquirenti hanno individuato tracce di vomito.

Intanto la polizia scientifica, e quindi la Mobile, ha anche acquisito il computer e il cellulare usati dal ragazzo, che era rientrato a casa a notte fonda dopo il suo turno di lavoro in una pizzeria, per la quale svolgeva le consegne a domicilio.