Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Umbria, gara da 36 milioni di euro per le protesi sanitarie: il Tar accoglie il ricorso. Annullati gli atti

Esplora:

Alessandro Antonini
  • a
  • a
  • a

Zimmer Biomet Italia ha vinto il ricorso al Tar contro Umbria salute per la maxi gara sulla “fornitura di protesi ortopediche e dei dispositivi correlati al loro impiego per le aziende sanitarie della Regione Umbria”, bando del 12 marzo 2021. La procedura era suddivisa in 38 lotti, per un importo complessivo di 36.160.776,23 in un quadriennio. L’atto impugnato è stato annullato a seguito dell’accoglimento del ricorso.

La parte ricorrente lamenta che “la legge di gara, per effetto della mancanza di dati certi circa l’entità e il contenuto dei futuri contratti da stipulare a valle dell’aggiudicazione con le singole aziende sanitarie, renda impossibile formulare un’offerta seria ed affidabile, impedendo in tal modo un reale confronto concorrenziale”.
Il collegio del Tar sottolinea che “l’incertezza nella formulazione dell’offerta risulta aggravata dal fatto che il corrispettivo è determinato dal prezzo annuale proposto per ciascun lotto ed è comprensivo anche di tutte le ulteriori attività di supporto alla fornitura dei dispositivi medici, quali l’attività di formazione e aggiornamento del personale medico, la logistica e, in particolare, la assistenza in sala operatoria di un product specialist.

Risulta, pertanto, meritevole di condivisione l’affermazione di parte ricorrente per cui la conoscenza dell’effettivo oggetto della fornitura e di come questa sia articolata tra i diversi enti sanitari è essenziale al fine della formulazione di una offerta economicamente sostenibile”.