Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Torgiano, viabilità in dissesto: “Via Bufaloro, non una strada ma un percorso di guerra”.

Sabrina Busiri Vici
  • a
  • a
  • a

A Torgiano, via Bufaloro non è più una strada ma un percorso di guerra, ormai a ogni passaggio dei mezzi c’è il rischio di subire danni o, peggio, incidenti”. La denuncia arriva alla redazione da un imprenditore che ha la sede aziendale nell’area industriale di Pontenuovo. “Gli operatori della zona - riporta - sono esasperati dallo stato in cui è ridotto il manto stradale dell’ex strada Tiberina, un chilometro circa che corre nell’area di confine fra i Comuni di Torgiano e Perugia”. E aggiunge: “Nessuno interviene e per noi che abbiamo la sede aziendale in zona è davvero diventato un problema il trasporto merci a causa delle numerose buche che impongono di usare particolare attenzione nel legare i prodotti trasportati per non rischiare di perderli lungo la strada, un vero pericolo”.

 


Il tratto di strada ha la penalizzazione, come già detto, di essere in una zona di confine per tre quarti nel Comune di Torgiano e il restante fa riferimento all’amministrazione di Perugia, da qui probabilmente anche l’impasse sugli interventi richiesti anche se l’area è costellata di aziende produttive ed è un costante viavai di mezzi anche pesanti. “Capisco i tempi della burocrazia e la spesa - va avanti l’imprenditore - ma qui si scoraggiano le attività per le pessime condizioni della zona che non ha più i requisiti necessari a una realtà lavorativa”.

 


Alla segnalazione risponde il sindaco di Torgiano, Eridano Liberti: “Da Enel alla società di gestione dell’acquedotto hanno fatto numerosi interventi in zona proprio per rendere più efficienti i servizi per le realtà che hanno sede lungo via Bufaloro; non ultimo si è intervenuti sul ripristino delle cabine elettriche - spiega il sindaco -. Proprio a causa di questi interventi non è possibile bitumare subito, bisogna attendere dei tempi tecnici perciò fra marzo e aprile faremo i primi lavori per poi completare il tutto entro i mesi seguenti”.