Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Narni, Luca Innocenzi premiato come miglior cavaliere d'Italia alla Rocca Albornoz

  • a
  • a
  • a

E’ Luca Innocenzi (foto in alto a sinistra) il vincitore della quarta edizione del premio “Miglior Cavaliere d’Italia”.

Le premiazioni si sono svolte ieri pomeriggio alla Rocca Albornoz di Narni, in provincia di Terni, ed il cavaliere folignate, che aveva vinto anche le passate edizioni, è stato incoronato miglior cavaliere di tutte le giostre storiche. Dietro a lui Alberto Liverani di Faenza e terzi ex aequo Riccardo Raponi di Recanati e Guido Gentili di Sarteano.

 

 

Al galà hanno partecipato l’ideatore del premio, Roberto Parnetti, il sindaco di Narni, Francesco De Rebotti, il presidente del consiglio comunale narnese, Giovanni Rubini, il presidente dell’Associazione Corsa all’Anello, Federico Montesi, e rappresentanti dei terzieri (capo priori, priori e responsabili delle scuderie) e del direttivo dell’Associazione Corsa all’Anello.

Durante il pomeriggio alla Rocca albornoziana sono stati premiati i cavalieri e le amazzoni che hanno vinto le giostre e quintane storiche (dove si corre in rappresentanza di una contrada, rione, terziere in un contesto storico) e non storiche (le gare ad iscrizione dove il cavaliere e l’amazzone corrono a titolo personale).

L'edizione di quest'anno è stata particolare poiché sono state incluse le manifestazioni disputate nel 2020 (in totale sono state cinque le manifestazioni corse lo scorso anno) ed ovviamente quelle effettuate quest'anno, nel 2021.

 

 

Ai vincitori delle sei categorie in cui è articolato il riconoscimento, unico nel suo genere in ambito nazionale, è stata consegnata la Pergamena d’Autore realizzata dall’artista narnese Fabiola Cornice, presente alla premiazione.

Durante la cerimonia sono stati premiati il ‘Miglior Cavaliere’, ‘Miglior Amazzone’, ‘Miglior Giovane Under 18’, ‘Binomio più vittorioso’, ‘Scuderia più vittoriosa’ e ‘Proprietario del cavallo più vittorioso’.

La miglior amazzone è Ilaria Signorini di Pistoia (foto in alto a destra), seguita da Chiara Bartoletti, sempre di Pistoia, e Claudia Salomone di Campli. Il binomio più vittorioso è formato ancora da Luca Innocenzi, su Guitto, mentre il proprietario del cavallo più vittorioso è Alessandro Candelori di San Gemini per Zio Jonny e Sky Bridge.

La scuderia più vittoriosa è Scuderia Manfredo Orazi di Cagliole e Roberto Innocenzi di Foligno per Guitto, Solo Amici, Love Story e Un’estate fa.

Fin dalla prima edizione del 2017, ideata per festeggiare il decimo anno del progetto nazionale “Si dia inizio al torneamento - Giostre, Quintane e Palii d'Italia”, la premiazione si svolge a rotazione in una delle città dove si disputano le più importanti manifestazioni storiche cavalleresche. Nel 2017 la cerimonia si è tenuta ad Ascoli Piceno, nel 2018 a Foligno e nel 2019 a Sulmona.