Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Città di Castello, piace la mostra dedicata a Raffaello: tanti visitatori in pinacoteca

  • a
  • a
  • a

Sono stati oltre 900 nei primi 15 giorni di novembre, gli ingressi alla pinacoteca comunale di Città di Castello che, fino al 9 gennaio 2022, ospita la mostra Raffaello giovane e il suo sguardo, promossa da Comitato regionale umbro per le celebrazioni raffaellesche, Comune di Città di Castello e Regione Umbria, e inserita nel calendario delle manifestazioni approvate dal Comitato nazionale per le celebrazioni dei 500 anni dalla morte di Raffaello Sanzio. Negli spazi della pinacoteca comunale, che ha da poco recuperato il suo ingresso monumentale originario, introdotto da un bel portale cinquecentesco, è possibile godere di un’esposizione dall’alto valore storico artistico, molto apprezzata dal pubblico fino a questo momento. 

 

 

 

Elemento di grande spessore della mostra, divenuto esposizione permanente, è l’allestimento che vede lo Stendardo della santissima Trinità di Raffaello e il Martirio di San Sebastiano di Signorelli faccia a faccia nella stessa sala. Un accostamento che simboleggia l’incontro tra due grandi artisti che nella realtà non si sono mai conosciuti.

 

 

 

Nel percorso espositivo, la Pinacoteca comunale ospita, per la prima volta insieme, tre frammenti del primo dipinto tifernate di Raffaello, la grande tavola de L’Incoronazione di san Nicola da Tolentino’, danneggiata nel terremoto del 1789: l’Eterno e la Vergine, custoditi a Napoli (Museo Nazionale di Capodimonte), e la testa di Angelo, custodita nella Pinacoteca Tosio Martinengo a Brescia. Per la mostra è stata anche realizzata una ricostruzione virtuale dell’opera, che ne ripropone la fisionomia complessiva ed entrerà a far parte in maniera definitiva del percorso di visita della pinacoteca.  
“Siamo molto soddisfatti – hanno dichiarato il sindaco Luca Secondi e l’assessore alla Cultura Michela Botteghi – dell’interesse che la mostra sta suscitando sia all’interno del territorio che tra i turisti, che hanno scelto Città di Castello anche attratti dalla mostra di Raffaello. In vista del periodo natalizio l’Amministrazione ha allo studio una serie di attività a sostegno e promozione dell’evento".