Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Terni, clienti senza mascherina assembrati in un locale del centro. Multato il gestore

Antonio Mosca
  • a
  • a
  • a

Superano i mille euro le sanzioni amministrative che sono state elevate al titolare di un locale di piazza dell’Olmo, a Terni, per l’inosservanza delle misure anti-Covid. I servizi di controllo in centro, disposti dal questore della provincia di Terni Bruno Failla, sono stati eseguiti dal personale della squadra di polizia amministrativa della Questura. L’obiettivo era quello di accertare il rispetto delle norme di contrasto alla diffusione del contagio da Covid-19, che impongono particolari prescrizioni a carico dei titolari di esercizi pubblici, soprattutto a quelli a maggior rischio di assembramento e contagio.

Gli agenti della Questura ternana hanno accertato che nel locale non era stata esposta la Scia (Segnalazione certificata di inizio attività) che neppure veniva esibita pur essendo obbligatoria per legge. La polizia ha poi verificato che “il gestore neppure indossava, dietro al bancone, la mascherina”. E anche molti clienti non la portavano. In più gli avventori erano ammassati all’interno del locale senza rispettare il limite massimo di otto persone ammesse all’interno del locale dove peraltro l’impianto di diffusione musicale continuava a funzionare oltre il limite orario delle 24.

Di conseguenza la polizia amministrativa ha contestato al 35enne gestore del locale il mancato uso della mascherina, la mancata esposizione ed esibizione della Scia per l’attività di somministrazione di alimenti e bevande, la mancata assicurazione del rispetto della distanza interpersonale di almeno un metro tra gli avventori, la violazione del limite massimo di otto persone all’interno del locale stesso, peraltro indicato all’ingresso, e la diffusione di musica oltre la mezzanotte. Dalla serata di venerdì 26 novembre, a Terni, è prevista un’intensificazione dei controlli nella zona della movida con finalità non soltanto di prevenzione, ma anche di contrasto ai comportamenti illegali e pericolosi per la salute pubblica. I servizi di vigilanza riguarderanno i locali pubblici che specialmente nel week end sono molto affollati.