Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Terni, il ritorno della fiera del Cassero dopo lo stop Covid all'insegna di mascherine e green pass

Simona Maggi
  • a
  • a
  • a

Sono stati tanti i ternani che, domenica 21 novembre 2021, non si sono fatti sfuggire il ritorno della fiera del Cassero che, a causa dell'emergenza sanitaria, non si era tenuta lo scorso anno. Si tratta di una delle fiere storiche più sentite e partecipate a Terni.

Da metà mattina fino al tardo pomeriggio in largo Frankl, corso del Popolo, viale dell’Annunziata, piazza Ridolfi e via Colombo è stato un continuo viavai di visitatori. A favorire l'afflusso di gente, che ha avuto il suo picco nelle prime ore del pomeriggio, anche la bella giornata.

 

“Dopo un anno di stop – hanno sottolineato alcuni ternani davanti alle bancarelle – finalmente di nuovo la fiera del Cassero. La scelta della merceologia è stata varia e si sono trovati articoli di tutti i generi e per tutte le tasche. E' stata anche l'occasione per fare i primi acquisti di Natale. Le occasioni non sono mancate”.

Una giornata di festa che molti ternani hanno dedicato allo shopping. Tra gli ambulanti c'è stato chi è rimasto soddisfatto delle vendite e chi invece ha detto che gli affari non sono andati come si aspettava. Probabilmente in molti hanno preferito guardare piuttosto che comprare, magari sarà per la prossima volta.

 

 

Per quanto riguarda i controlli per il green pass è andato tutto bene e nessuno ne era sprovvisto. Per la fiera erano una trentina le persone autorizzate che si trovavano nei vari punti d’accesso per i controlli del green pass, obbligatorio come imponeva l’ordinanza firmata in settimana. Per quanto riguarda invece i controlli effettuati dalla polizia locale sono state rimosse 18 autovetture che malgrado fossero stati messi i cartelli in cui era vietata la sosta a causa della fiera del Cassero hanno lasciato in sosta l'auto. Inoltre sono state elevate 8 contravvenzioni perché dai controlli è emerso che erano sprovviste della revisione del mezzo.