Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Terni, anziana truffata: finto corriere si fa pagare con 400 euro e gioielli, nel pacco una scatola di biscotti

  • a
  • a
  • a

La truffa tentata del finto “corriere” nei confronti della mamma del sindaco di Amelia, Laura Pernazza, in quel caso andata male per i suoi autori, è stata riproposta pari pari ai danni di un’anziana di Terni e stavolta, purtroppo, è arrivata fino in fondo. La signora, che ha 90 anni, ci ha rimesso così 400 euro in contanti e diversi gioielli, dal particolare valore affettivo ma pure economico. L’episodio è avvenuto la mattina di giovedì 18 novembre 2021 in una via nella zona nord della città, tra Campomaggiore e l'inizio di Gabelletta e, a quanto pare, non sembra trattarsi proprio di un caso isolato.

 

In pratica l'anziana sarebbe stata contattata più volte al telefono da un sedicente corriere, per la consegna di un pacco con del materiale informatico destinato al nipote. Per ricevere il tutto, l'addetto le avrebbe chiesto 4 mila euro: soldi che la donna non aveva con sé, in casa. Incalzata dal finto corriere, la novantenne ha spiegato di avere “soltanto” 400 euro in contanti. “Vanno bene ugualmente, veda di aggiungere anche dell'oro e dei gioielli se li ha - con l'addetto che avrebbe indicato anche un numero preciso di pezzi - così possiamo consegnare il tutto". A quel punto l'anziana, convinta in cuor suo di aver percepito al telefono anche la voce del nipote che la invitava ad attivarsi per ritirare il pacco (“Dai nonna, tanto poi l'oro te lo restituiscono”), ha acconsentito.

 

 

Il resto è rappresentato dall'arrivo dell'operatore, con la consegna dei soldi, dell'oro e quindi, in cambio, del pacco. Che una volta aperto ha rivelato pienamente l'azione criminale: dentro c'era una scatola di biscotti. Scontata la denuncia sporta in questura, che si aggiunge ad altre che stanno lì a dire come le persone più indifese, in testa gli anziani, siano spesso vittime di chi vuole solo approfittarsi di loro. Il sistema del 'corriere' fra l'altro, con l'avvicinarsi delle festività natalizie, sembra ancora più normale in un contesto in cui, comunque, l'attenzione deve restare massima. Perché c'è sempre chi è pronto a colpire.