Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Covid in Umbria, ancora due morti e ottanta contagiati, ma la curva epidemica è in leggera diminuzione. Tutti i dati

  • a
  • a
  • a

In Umbria crescono ancora i positivi al Covid 19, anche se per fortuna in termini contenuti. Purtroppo riprende a salire il numero dei ricoveri, così come quello dei decessi. E' questo in estrema sintesi il quadro della situazione pandemica nel Cuore Verde d'Italia, stando ai dati giornalieri che sono stati emessi dalla Regione nella giornata di oggi, giovedì 18 novembre. I numeri rivelano che nelle ultime ventiquattro ore sono stati individuati 80 nuovi positivi, su un totale di quasi 11mila test analizzati. Il tasso di positività si attesta quindi sullo 0,7 per cento.

Sono 69, invece, i cittadini che sono usciti dall'incubo. Il numero degli attualmente positivi cresce di undici unità, salendo a quota 1.576. Sul fronte dei ricoveri, negli ospedali umbri risultano nei reparti Covid 47 pazienti, due in più rispetto al bollettino precedente. Di questi sette, uno in più, sono in terapia intensiva. Da registrare, purtroppo, due nuovi decessi, che portano a 1.476 il numero ufficiale delle vittime in Umbria da inizio pandemia. Notizie positive arrivano dall'analisi della curva epidemica che mostra un trend in "leggera diminuzione" rispetto alla settimana precedente. Emerge dal report settimanale che è stato elaborato dal Nucleo epidemiologico regionale sull'andamento dell'epidemia.

L'incidenza settimanale mobile si attesta a 60 casi ogni 100 mila abitanti, in calo rispetto al valore di 71 che era stato registrato una settimana fa. Si contrae anche l'Rdt sulle diagnosi calcolato con media mobile a sette giorni, che fa registrare un valore di 0,85, mentre una settimana fa il dato era di 1,5. Per quello che riguarda la concentrazione dei casi per fasce d'età, la circolazione maggiore si registra negli under 14, popolazione in gran parte esclusa dalla copertura vaccinale. I distretti sanitari dell'Umbria che hanno un'incidenza per 100 mila abitanti superiore a 100 casi sono due, mentre sei registrano un'incidenza inferiore a 50 casi.