Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Narni, auto a tutto gas per le vie di Testaccio. Petizione di protesta dei residenti rivolta al Comune

  • a
  • a
  • a

Sta circolando in paese una petizione popolare per moderare la velocità  dei mezzi in transito lungo la via Flaminia Romana che divide la popolosa frazione di Testaccio di Narni, tra la zona vecchia e la nuova zona, e per proteggere l’incolumità dei suoi abitanti. I cittadini sono stanchi e preoccupati. Il grido d’allarme attraverso la raccolta firme è condiviso dalla totalità dei residenti ed è rivolto alle istituzioni competenti, affinché risolvano il problema. I residenti hanno deciso di fare sentire la propria voce e sono stati coinvolti nella protesta alcuni consiglieri comunali pronti a sostenere la petizione.

Sono tanti i problemi e i rischi connessi all’irresponsabilità di chi passa a velocità sostenuta all’interno di un centro abitato, su cui insistono un attraversamento a raso e diverse immissioni sulla Flaminia. Il rumore, poi, specie d’estate, è insopportabile. E lo è a tutte le ore, notte compresa. L’allarme rosso è anche per l’incolumità di adulti e bambini. Davanti alla statua della Madonna che è posizionata proprio di fronte al bivio che porta alla parte moderna della frazione, si fermano bus e scuolabus. Qualche mezzo fa il giro dentro l’ingresso del quartiere per lasciare i passeggeri ma sono tanti quelli che devono scendere quasi in mezzo alla strada. E bisogna fare molta attenzione ad attraversare visto che le auto e le moto sorpassano senza problemi i bus anche se il codice della strada lo vieta espressamente, essendo  tra le principali cause di incidenti e investimenti di pedoni in tutta Italia. Tanti gli studenti e i più piccoli che devono attraversare la strada sia al ritorno dagli studi che per andare a giocare con i coetanei e sono tanti i genitori preoccupati dal comportamento degli automobilisti lungo questo tratto della Flaminia.

Il rettifilo, lungo e con una lieve semicurva davanti all’ex ristorante Il Cavallino, specie in discesa, invita molti a premere sul pedale dell’acceleratore. Ma è pericolosissimo. Anche per tanti animali domestici che in questi mesi sono morti proprio per i mezzi che li hanno investiti. Alto anche il rischio di incidenti stradali tra automobili e i residenti non ne possono più.