Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Terni, la tragedia di Flavio e Gianluca. Le mamme dei due ragazzi uccisi dalla droga: "Potevano essere salvati"

  • a
  • a
  • a

Gianluca e Flavio potevano essere ancora tra noi. Chi sapeva che si sentivano male doveva parlare. Capiamo tutto, ma l'amicizia e il bene che si vuole ad una persona si dimostrano in certi momenti”. Queste le parole  di Silvia Jacaroni e Maria Luisa Peralta, mamme di Flavio Presuttari  e Gianluca Alonzi, di 16 e 15 anni, che sono stati trovati senza vita il 7 luglio del 2020  uccisi dal metadone venduto a 15 euro da Aldo Maria Romboli.

La sentenza di primo grado ha inflitto al 42enne, ora agli arresti domiciliari nella comunità di recupero Cast Onlus di Spello, una pena di 7 anni e 2 mesi. Domenica 14 novembre al centro Polis di Cospea, a Terni, i due ragazzi sono stati ricordati con un incontro pubblico (come si può vedere nella foto di Stefano Principi) promosso dalle mamme, dalla Ternana Calcio e dalla Ternana Rugby. “L'obiettivo dell'incontro e il messaggio che abbiamo voluto dare, soprattutto ai giovani - spiegano le due mamme, Silvia  e Maria - è stato quello di far conoscere i rischi relativi all'assunzione di droga. I giovani devono creare gruppi sani che siano collegati allo sport, all'arte, al teatro per evitare la noia e solitudine. Ribadiamo il concetto che bisogna confidarsi con i genitori che sono le uniche persone sincere su cui si può contare e di cui ci si può fidare”. 

Silvia e Maria Luisa non si arrendono e continuano a lanciare appelli ai ragazzi e gridano a gran voce che la droga è una piaga da combattere. Per il procuratore capo di Terni Alberto Liguori collaborando tutti insieme si può combattere la droga e anche lo sport “è importante in quanto è inclusione e confronto. Lo sport ti difende dal male perchè stai lontano da circuiti a rischio”. Anche per il club manager della Ternana Calcio, Carlo Mammarella, lo sport aiuta molto e rende più responsabili. Presenti all'incontro anche  l’assessore comunale al Welfare, Cristiano Ceccotti, il sacerdote antidroga don Antonio Coluccia, le delegazioni di Ternana Calcio e Terni Rugby e la dirigente scolastica del liceo Classico Tacito, Roberta Bambini.