Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Spoleto, torna Dolci d'Italia: la kermesse dal 3 al 5 dicembre

  • a
  • a
  • a

Dal 3 al 5 dicembre torna a Spoleto la manifestazione Dolci d’Italia.  Un appuntamento molto atteso dopo il successo dell’edizione 2019. Lo scorso anno, a causa delle restrizioni sanitarie, Epta Confcommercio - società che organizza la kermesse - aveva deciso di rimandare l’evento e per questo l’attesa è ancora più grande, come testimoniano le tante richieste di visitatori e appassionati arrivate in questi giorni. “Ovviamente - sottolinea Aldo Amoni, presidente di Epta Confcommercio - l’attenzione alla sicurezza sarà altissima, con protocolli che saranno condivisi con le istituzioni e l’obbligo di green pass per accedere alle location”. L’edizione della ripartenza porterà tante novità, innanzitutto ci saranno maggiori spazi espositivi, numerosi cooking show, un convegno sul rapporto tra dolci e benessere e molto altro ancora.

 

 

Ci sono già le prime anticipazioni: al chiostro di San Nicolò ci sarà l’area Sweet show con i dolci artigianali, l’area Home sweet home con gli arredamenti per rendere più dolce la casa, l’area Sweet academy con una scuola diretta da rinomati party chef, l’area Piccoli pasticceri crescono per i più piccoli e l’area Cake design lab per creare le proprie decorazioni. In piazza Garibaldi i visitatori avranno a disposizione i migliori cibi di strada, mentre alla Sala degli Ori e nelle sale di via Visiale ci saranno ad attenderli i dolci tipici regionali. Tutti i dettagli e il programma saranno annunciati il 25 novembre.

 

 

“Siamo davvero felici di poter organizzare questa seconda edizione dei Dolci d’Italia, una manifestazione bellissima dove la tradizione culinaria del nostro Paese si incontra nella splendida cornice di Spoleto - spiega Aldo Amoni -. Siamo al lavoro da tempo per allestire un programma ricco di bontà, appuntamenti golosi e tanta cultura della cucina dolciaria italiana che vogliamo valorizzare. Sarà anche un’occasione per Spoleto, ci aspettiamo tanti visitatori e turisti in questi tre giorni. Sarà un segnale di rinascita per tutti. Colgo l’occasione per ringraziare per la collaborazione l’istituto alberghiero Giancarlo De Cataldo di Spoleto, la Fondazione Cassa di risparmio di Spoleto, l’amministrazione comunale e la Fondazione Mina e Cesare Micheli”.