Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Terni, al via i concorsi in presenza per 13 posti fissi in Comune. Sarà utilizzata la piattaforma digitale

  • a
  • a
  • a

Mercoledì 10 novembre inizia l’era dei concorsi comunali smart grazie alla piattaforma digitale. A Terni fino al 12 novembre infatti cominciano le prove scritte e gli ultimi concorsi del piano del fabbisogno comunale per assumere nuovo personale a palazzo Spada, in tutto 13 figure. Si tratta di contratti a tempo indeterminato per la selezione di coordinatori contabili, geologi, agronomi e un ingegnere civile strutturista. Per la precisione, 163 contabili in due sessioni, 28 ingegneri, 13 geologi e 16 agronomi. All’appello mancano gli assistenti sociali (220 domande), con prove ancora da fissare.

“Per la prima volta – spiega con soddisfazione l’assessore al Personale e all’Innovazione e Digitalizzazione Giovanna Scarcia -  approcciamo ai concorsi con modalità digitali, tutti svolti in presenza al Centro multimediale, ma tramite un sistema che garantisce l'anonimato del candidato con l’assegnazione di un Qr-code associato a un tablet poi consegnato in una modalità protetta e criptata. Le prove durano un’ora, come detto con un approccio completamente diverso rispetto al tradizionale concorso pubblico”. Di recente la giunta comunale ha aggiornato sia il piano triennale del fabbisogno di personale 2021-2023 che il piano assunzioni 2021. In particolare, l’amministrazione comunale, guidata dal sindaco Leonardo Latini, ha rivisto la propria dotazione organica, aggiornandola in base alle variazioni dovute sia alla cessazione di rapporti lavorativi che ai nuovi inserimenti in programma. Lo scorso 15 ottobre i concorsi sono stati pubblicati nella Gazzetta Ufficiale dopo l’attivazione del link per accedere alla piattaforma e procedere con le candidature. “La piattaforma digitale – sottolinea l’assessore - è una novità che rende tutto più semplice e di facile accesso per tutti. Sono previste due prove: una scritta e una orale".

"Tuttavia qualora il numero dei candidati ammessi con riserva sia tale da non consentire l’espletamento del concorso in tempi rapidi - è specificato nei bandi di concorso pubblicati sul sito del Comune - l’amministrazione civica si riserva a proprio insindacabile giudizio di sottoporre i candidati a una prova preselettiva consistente nella soluzione, in un tempo predeterminato, di una serie di quesiti a risposta multipla basati sulle materie oggetto delle prove d’esame, sulla preparazione generale nonché sulla soluzione di problemi in base al ragionamento logico. Saranno ammessi a sostenere le successive prove d’esame, i candidati classificatisi entro i primi 80 posti della graduatoria di merito formulata all’esito della prova preselettiva nonché quelli eventualmente pari merito all’ottantesimo posto”.