Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Perugia, morto impiccato nella camera d'albergo: aperto fascicolo per istigazione al suicidio

Esplora:

Antonini Alessandro
  • a
  • a
  • a

E’ stato aperto un fascicolo con l’ipotesi di istigazione al suicidio per la morte di Alessandro Mazzoni, il giovane di 29 anni trovato cadavere nella notte tra il 14 e il 15 luglio dello scorso anno, impiccato con il guinzaglio del suo cane in una dependance d'albergo in centro storico a Perugia. L’indagine, per ora contro ignoti, passa al setaccio chat erotiche e di scambisti in cui il giovane sarebbe stato attivo poche ore prima di morire. E’ stato aperto anche un altro fascicolo in cui si persegue il reato di cessione di stupefacenti. Qui c’è un indagato: il presunto pusher. Quella sera Alessandro ha assunto cocaina, in base all’esame autoptico. Nella stanza c’erano anche quattro bottiglie vuote di Tennent’s e alcuni perizomi, segno che c’era stato qualcuno con lui. O che comunque attendeva una visita. La ragazza straniera che frequentava da qualche settimana esce dall’inchiesta: aveva manifestato già sette giorni prima di non voler avere una relazione con il 29enne.

La sera della tragedia aveva inviato a Mazzoni anche un messaggio con su scritto “tutto ok?”e alcuni audio mai ascoltati. Ma allora con chi aveva appuntamento Alessandro? Un fatto pare accertato: dopo quello che sembra un festino finito male lui inizia a inviare e ricevere messaggi a sfondo sessuale su chat e email e per poi attuare - è una delle ipotesi d’indagine - quella che viene definita asfissia autoerotica. C’era qualcuno a guidarlo in questa pratica? Tutte domande a cui dovrà rispondere l’inchiesta per istigazione al suicidio.

Per il fascicolo inizialmente aperto con l’ipotesi di omicidio, il pm Tullio Cicoria ha chiesto l’archiviazione. La madre di Alessandro, rappresentata dall’avvocato Maria Cristina Ciace, continua a chiedere “tutta la verità”. Sono stati condotti anche accertamenti su una vettura di una persona conosciuta da Mazzoni che si sarebbe fermata quella sera al parcheggio dei Tre Archi per poi ripartire dopo un quarto d’ora.