Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Perugia, Piazza Partigiani: per le scale mobili “manca sola l'ok del ministero. Lavori eseguiti”

  • a
  • a
  • a

A Perugia è ferma da due anni la rampa di scale mobili che congiunge il parcheggio sotterraneo a piazza Partigiani. Un tratto rimasto fermo, immobile e transennato dall’inizio dei lavori effettuati all’intera infrastruttura fin dal novembre 2019. E sul quale ancora non c’è una data di ripresa del servizio.
Annunci di riapertura si sono susseguiti negli anni: anche in occasione dell’inaugurazione delle scale mobili di via Pellini, nel marzo scorso, quando il sindaco Romizi parlò di tempi brevi per la soluzione del problema. Sono trascorsi altri nove mesi da allora.
Venti scalini, come dicevamo, del resto non sono tanti ma per chi deve salire con passeggini, carrozzine, anziani, bambini e per chi si trova in condizioni di disabilità la barriera diventa insormontabile. 

 


I chiarimenti sull’attuale situazione arrivano dall’ingegner Margherita Ambrosi del Comune di Perugia: “La scala ha avuto ulteriori lavori evidenziati dall’Ufficio speciale trasporti a impianti fissi (Ustif) in sede di sopralluogo - chiarisce -. Nonostante i lavori fossero stati realizzati come da progetto autorizzato da Ustif stesso, è stato richiesto l’allungamento della copertura e il potenziamento dell’illuminazione. Opere che sono state fatte e ora si è in attesa dell’autorizzazione dell’esercizio”. Quando bisognerà ancora attendere per riavere il servizio? “I tempi non dipendono da noi”, è la risposta di Ambrosi.

 


Ustif, infatti, aveva chiesto un intervento di protezione dalle precipitazione, proprio per evitare che andassero a interferire con il gruppo motore dentro l’impianto. E' stata anche rimodulata la regimazione delle acque. Inizialmente doveva essere anche allargata la sede della rampa, ma non è stato possibile a causa di vincoli ambientali sottolineati proprio dal sindaco nel suo intervento.
Intanto i cittadini continuano a segnalare i disagi e il prolungato disservizio. Ed è stato sottolineato in più occasioni anche il pessimo biglietto da visita per i turisti che arrivano in città e vogliono raggiungere l’acropoli attraverso le scale mobili passando all’interno della Rocca Paolina.
Come Corriere dell’Umbria più volte abbiamo evidenziato nel tempo la questione e ora non resta che aspettare il nullaosta di Ustif. Manca solo quello. Lo conferma il Comune.