Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Terni, 47 assunzioni in arrivo entro la fine dell'anno per i reparti dell'ospedale Santa Maria

  • a
  • a
  • a

Potenziamento dell'organico in arrivo all'ospedale Santa Maria di Terni con nuove assunzioni. Entro il 31 dicembre  verranno assunti 5 medici e 28 infermieri a tempo indeterminato, 7 Oss a tempo determinato ed ancora  4 autisti soccorritori e 2 ausiliari specializzati a tempo indeterminato ed infine 1 collaboratore amministrativo a tempo determinato. Ci sarà anche la trasformazione di 9 contratti che attualmente sono a tempo determinato in  indeterminato.

Nel frattempo si guarda anche ai concorsi che sono in corso di espletamento per la copertura a tempo indeterminato di: 2 posti di dirigente medico di neurochirurgia, 4 di anestesia e rianimazione, 2 di  medicina e chirurgia d'accettazione e d'urgenza, 2 posti  di radiodiagnostica, 2 posti  di radioterapia, 1  di medicina nucleare, 2 di  biologo, 12 posti di tecnico di radiologia (procedura congiunta con Usl Umbria2), 47 di collaboratore amministrativo professionale (procedura congiunta con le altre Aziende del servizio sanitario regionale dell'Umbria) e 1 di collaboratore tecnico professionale-ingegnere clinico. L'Azienda Santa Maria  ha inoltre aderito alla procedura congiunta con la Usl Umbria 1 per l'indizione del concorso pubblico per complessivi 94 posti di Oss.

E' in corso di espletamento anche la procedura selettiva per il conferimento di un incarico di direttore della struttura complessa di chirurgia digestiva. E sono in atto anche altre procedure di selezione per la copertura a tempo determinato per 1 dirigente medico di ginecologia e ostetricia, 1 di radioterapia, 1 di oncologia (finanziamento con fondi di ricerca) e  1 di medicina interna. Al primo novembre le persone che lavoravano all'interno del Santa Maria erano 1.782 di cui 1.602 a tempo indeterminato mentre a gennaio 2020 erano in totale 1.581 di cui 1.448 a tempo indeterminato. Il direttore generale, Pasquale Chiarelli, tiene a ribadire che: "nella crisi sanitaria che il mondo sta ancora attraversando è fondamentale che ci sia un team di professionisti competenti e coesi che riconoscano come unica mission la ricerca del bene della persona malata".