Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Terni: il negozio Camici rapinato da un bandito solitario, terzo colpo in città in dieci giorni

  • a
  • a
  • a

Una rapina – la terza negli ultimi dieci giorni a Terni, più o meno con le medesime modalità – è stata messa a segno la mattina di sabato 6 novembre 2021 ai danni del punto vendita di un’azienda specializzata nel settore dell’abbigliamento da lavoro, la ditta Camici.

Il negozio si trova in viale dello Stadio, nell’edificio dall’altra parte della strada rispetto alle Piscine dello Stadio, e un malvivente, secondo la prima ricostruzione, intorno alle 9,30 è entrato nell’attività commerciale, senza mostrare armi.

 

All’interno vi era solo un’addetta, che peraltro in quel momento era impegnata al telefono, che si è trovata di fronte il bandito, con il volto parzialmente coperto da una scaldacollo. L’uomo le ha intimato di consegnare l’incasso, parlando senza particolari cadenze e accenti, il che fa ritenere che fosse italiano. La commessa, spaventata, ha consegnato quanto in quel momento aveva in cassa, ovvero circa 200 euro.

La persona che era al telefono con lei, sentendo quanto stava accadendo, ha subito dato l’allarme. Il bandito, prima di andarsene, si è fatto consegnare il cellulare che ha spaccato in terra, prendendolo a calci. Poi si è dileguato a piedi.

 

La rapina, per modalità, ricalca le precedenti due avvenute in città, rispettivamente, martedì 26 e venerdì 29 ottobre 2021. Nel primo caso, alla chiusura, intorno alle 20, venne presa di mira una tabaccheria in via Milazzo, nel quartiere San Giovanni, mentre la seconda colpì la profumeria Sergnese, in via Mazzini. In entrambi i casi il malvivente si è presentato da solo, nel negozio c’era una sola commessa e la minaccia è stata solo verbale, sebbene molto risoluta, visto che nessuno ha raccontato di aver visto delle armi. Nel caso della tabaccheria e della profumeria, però, il bandito indossava un casco integrale.

La polizia, intervenuta anche in viale dello Stadio, sta conducendo l’indagine per risalire all'autore – o agli autori – delle azioni criminose.