Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Lupi a pochi metri dal liceo Galilei, sbranate quattro pecore in un'azienda a parco Santa Margherita | Foto

  • a
  • a
  • a

Lupi aggrediscono e sbranano quattro pecore in un’azienda con sede nel parco Santa Margherita a Perugia, a poca distanza del liceo Galilei. Praticamente in città. “E’ successo nella notte fra mercoledì 3 e giovedì 4 novembre - racconta Carlo Molinari, il titolare dell’azienda -. Io mi sono accorto la mattina successiva quando ho trovato le mie pecore sbranate e i resti sparsi nei terreni vicini”.

 

 

Il proprietario dell’attività, situata appena fuori dalle mura dell’acropoli nel parco che si insinua nell’area urbana, è certo che si tratti di lupi dopo i sopralluoghi eseguiti da Asl e dall’istituto Zooprofilattico di Perugia: gli esperti, infatti, hanno effettuato una serie di rilievi e hanno anche attivato delle foto trappole per tenere sotto controllo il territorio. “Siamo certi che siano lupi al 99,9% - dichiara Marco Gobbi dell’istituto Zooprofilattico di Perugia -. Questo in base alle orme rinvenute e ai segni lasciati. Non sappiamo però dire quanti esemplari”.

 

 

Secondo il dottor Gobbi, infatti, la zona rurale è molto ampia tanto da ospitare animali selvatici che quando hanno fame senza paura si avvicinano alle case in cerca di cibo. “In genere non sono pericolosi per gli uomini, da moltissimi anni non abbiamo segnalazioni di attacchi ma sono comunque letali per gli animali domestici”. I primi riscontri in arrivo dalle foto trappole disseminate in zona testimoniano “solo un cinghiale”, segnala Gobbi “ma continueremo a tenere sotto controllo”.

 

 

Intanto Molinari ha fatto denuncia per avanzare richiesta di risarcimento: “E’ importante segnalare quanto sta succedendo in questa zona - sottolinea - oramai abbandonata e priva di ogni manutenzione e controllo tanto da essere presa d’assalto da cinghiali, volpi, daini e ora anche da lupi. Il tutto a pochi metri da una scuola e da una centro per l’infanzia”. Molinari risiede nell’area del parco da 60 anni e oltre ad allevare pecore ha anche altri animali da cortile: “Sono costretto a tenerli chiusi per non incorrere in pericoli e trovarmeli tutti sbranati”.