Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Sold out nelle strutture ricettive. Assoturismo e Federalberghi: "In Umbria tutto esaurito per il ponte di Ognissanti"

Esplora:

Alessandro Antonini
  • a
  • a
  • a

Agriturismi, b&b e case vacanze: è il tutto esaurito in questo lungo ponte di Ognissanti, secondo Assoturismo. 
“Nel panorama umbro” spiega il coordinatore regionale dell’associazione di categoria, Matteo Fortunati “le tendenze turistiche durante questo autunno sono superiori alla media nazionale, con le città d’arte piene e il sold out di  tutte le strutture extra alberghiere. Un trend in decisa crescita rispetto al periodo pandemico riverbero di una stagione estiva molto positiva”.


Ha funzionato anche il brand del cuore verde sul fronte marketing territoriale. “Registriamo il 75 per cento delle prenotazioni on line”, continua Fortunati, anche qui “con indice nettamente positivo”. A questa situazione “hanno contribuito le manifestazioni e gli eventi attrattori sia in provincia di Perugia che in quella di Terni, che hanno dato una marcia in più, come Eurochocolate. Come Assoturismo Umbria siamo molto soddisfatti”. I dati di Cst Confesercenti confermano la tendenza in crescita anche nel resto del Paese, anche se in base alle stime di Assoturismo l’Umbria si colloca appunto sopra la media italiana.
Il fine settimana lungo di Ognissanti ha dato una spinta alle presenze in tutta Italia: tra il 30 ottobre e oggi, primo novembre, le strutture ricettive italiane registrano 3,8 milioni di pernottamenti, di cui oltre 1 milione nelle città d’arte. 


Una performance positiva - secondo Confesercenti - anche se i livelli pre-pandemia, per ora, restano lontani: nel 2019 si erano registrati 4,2 milioni di pernottamenti, circa 400mila in più delle previsioni per il 2021. Il mercato turistico, vista la quasi totale assenza di visitatori extraeuropei e la riduzione dei flussi europei, è ancora trainato dalla domanda interna, che però non offre continuità e si concentra solo nei weekend e nei ponti. Invece in Umbria si sono riaffacciati i turisti stranieri e anche gli americani. Pure le strutture alberghiere del cuore verde “hanno fatto registrare il tutto esaurito o quasi” in questo ponte di quattro giorni”, fa sapere il presidente di Federalberghi, Simone Fittuccia: di solito contenuto nei giudizi, questa volta parla di “numeri record”. L’ideale sarebbe bissare i numeri di agosto, che con quasi 390 mila arrivi e 1,3 milioni di presenze è stato il mese con i dati migliori degli ultimi otto anni. A Palazzo Donini gli uffici stanno elaborando i flussi turistici di settembre, in vista della conferenza stampa che l’assessore al ramo, Paola Agabiti, dovrebbe fissare tra poco più di una settimana. Lì verranno presentati la campagna di marketing per il Natale e il claim pensato sulla scia di quello estivo “Io amo il mare dell’Umbria”. Due al momento le ipotesi in ballottaggio, entrambe top secret.