Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Stroncone, trovato morto nel letto stroncato da overdose a 54 anni. Arrestato il pusher

  • a
  • a
  • a

Nella mattinata di venerdì 29 ottobre, poco dopo le 8, una donna allertava il 112 riferendo che il marito giaceva esanime a letto. Immediatamente sono stati fatti intervenire sul posto sia il personale del 118 che i militari del comando stazione carabinieri di Stroncone, per i primi soccorsi ed i sccessivi accertamenti del caso volti a fare piena luce sulla dinamica dei fatti.

Purtroppo per C.F., commerciante 54enne del posto, le prime cure si sono rilevate inutili ed i sanitari non hanno potuto fare altro che constatarne il decesso, verosimilmente avvenuto alcune ore prima. I carabinieri della caserma di Stroncone iniziavano quindi a svolgere i loro accertamenti ed approfondimenti investigativi, comprendendo immediatamente i risvolti penali che tale vicenda avrebbe potuto avere. In loro supporto anche il personale specializzato della sezione operativa del nucleo operativo e radiomobile della compagnia carabinieri di Terni, per eseguire un accurato sopralluogo. L’uomo risultava fare uso di droga, per cui ciò lasciava presupporre che potesse essere deceduto a causa dell’assunzione di una sostanza stupefacente, quindi per overdose. I carabinieri avvisavano il magistrato di turno presso la Procura della Repubblica di Terni, Elena Neri, che assumeva la direzione delle indagini. A seguito della verifica dei numeri contattati del telefono cellulare della vittima, se ne ripercorrevano gli ultimi movimenti, anche attraverso i racconti di familiari ed amici. La sera precedente al decesso, l’uomo si era recato a Terni, con un conoscente, ed aveva acquistato della sostanza stupefacente, del tipo cocaina ed eroina da un cittadino di origine maghrebina.

Successivamente, tornato a casa e consumata parte della sostanza acquistata, aveva iniziato a sentirsi poco bene ed era andato a letto. Identificato il pusher, i carabinieri iniziavano le ricerche attivamente su tutto il territorio del capoluogo e, alle 14, a Terni, in via Marco Claudio, rintracciavano il ragazzo, un giovane tunisino poco più che ventenne; lo stesso era alla guida di un motociclo rubato. A seguito della perquisizione personale a carico del cittadino extracomunitario, sono stati trovati due involucri di cocaina per un peso complessivo di 0,55 grammi totali, un pezzo di hashish del peso di grammi 0,4 e, infine, la somma totale in contanti di 210 euro (tutto il materiale rinvenuto è stato sottoposto a sequestro). Ai carabinieri non è rimasto altro da fare che informare il sostituto procuratore della Repubblica e procedere al fermo del giovane straniero: B.A.D., tunisino nato nel 1997, per i reati di morte come conseguenza di altro delitto, di spaccio di sostanze stupefacenti e di ricettazione. Il motociclo è stato restituito al legittimo proprietario mentre lo straniero è stato condotto presso la casa circondariale di Spoleto.