Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Foligno, un indagato per la morte di Ivano Ceccucci

  • a
  • a
  • a

Ivano Ceccucci è morto sul colpo. L’impatto con l’auto non gli ha dato scampo. Lesioni fatali in diverse parti del corpo per il capogruppo deceduto domenica pomeriggio al rientro da una gita in moto. E per la sua morte adesso c’è un indagato. Si è svolta ieri all’ospedale provinciale De Lellis di Rieti, l'autopsia sul corpo di Ivano Ceccucci, il capogruppo di Forza Italia, che è morto nella serata di domenica a seguito di un incidente stradale. La procura della Repubblica di Rieti ha aperto un fascicolo per omicidio stradale a carico del conducente dell'auto con cui Ceccucci, a bordo della sua motocicletta, si è scontrato intorno domenica sera. Una ipotesi di reato prevista dal codice che ha comportato l’iscrizione del conducente sul registro degli indagati. L'automobilista indagato è un ultrasettantenne che si trovava in compagnia della moglie. Entrambi sono sotto choc , dopo quanto accaduto. 

 


La città intanto è ancora attonita dopo una notizia che ha toccato tutti: la morte del consigliere comunale e il cordoglio per la sua improvvisa scomparsa è stato bipartisan anche all'interno del mondo politico cittadino. Ancora non è nota la data dei funerali. Il via libera alle esequie potrebbe arrivare nelle prossime ore quando la magistratura concederà il nullaosta. Ceccucci è ricordato da tutti con affetto e stima per le sue grandi doti umane ma anche per la sua grande passione per la motocicletta. Passione che lo ha accompagnato fino alla fine. Il 57enne consigliere comunale stava tornando verso Foligno dopo un'uscita in motocicletta compiuta in gruppo con altri motociclisti, quando si è verificato l'incidente.

 

 

Lo schianto è avvenuto lungo la superstrada Rieti – Terni, all'altezza dello svincolo di Contigliano. La moto su cui viaggiava il consigliere, per cause ancora al vaglio delle autorità, è andata ad impattare con un'Opel Agila in prossimità di un distributore di benzina. Ceccucci è stato sbalzato dal mezzo e per lui, nonostante i soccorsi dei sanitari del 118, non c'è stato nulla da fare. La salma è stata trasportata all'ospedale De Lellis di Rieti, dove è stata effettuata l'autopsia nel pomeriggio di ieri. La famiglia, che ha incaricato l'avvocato Barbara Di Nicola di seguire la vicenda giudiziaria, ha nominato un perito di parte, il medico legale Sergio Scalise Pantuso, per l’esame autoptico.