Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Perugia, ripavimentazione di corso Vannucci: Comune verso il sì

  • a
  • a
  • a

Piano di ripavimentazione di piazze e vie principali del centro storico di Perugia. Questo l’ordine del giorno discusso e approvato in commissione urbanisti, presentato dai gruppi consiliari Pd, Idee Persone Perugia, Rete Civica Giubilei. In particolare il consigliere Francesco Zuccherini (Pd) ha premesso che “vie e piazze della città rappresentano uno spaccato storico dell’urbanizzazione cittadina e i piani di calpestio sono principalmente composti da pietra serena, porfido e arenaria”. Da qui la necessità di interventi di ripavimentazione ritenuti urgenti per conservarne la qualità architettonica, ma anche la fruibilità da parte di tutte le persone. Evidenziata anche l’opportunità, vista la natura dell’intervento, di usufruire di specifici fondi europei senza contare che interventi del genere potrebbero essere utili anche per una verifica dei sotto servizi, come condotte idriche e fognarie, reti elettriche, telefoniche e del gas per prevenire rotture o incidenti.

 

 

L’assessore Otello Numerini ha spiegato che per l’amministrazione gli interventi sui piani viari rappresentano uno degli obiettivi primari di mandato, così come la riqualificazione delle piazze e ha rivendicato quanto fatto da via della Stella a via dei Priori, da viale Pellini, a via Ripa di Meana e piazza del Drago e si sta facendo a partire da piazza dell’Università. La criticità, come evidenziato dalla dirigente Margherita Ambrosi, riguarda la pavimentazione attuale, posizionata intorno alla fine degli anni ’70, costituita da pietra serena, un materiale che è soggetto a progressivo sfaldamento.

 

 

Ecco perché alcune pietre risultano ammalorate con conseguente necessità di sostituzione. In senso generale tuttavia Ambrosi ha sostenuto che la pavimentazione complessiva non risulta aver raggiunto “il suo fine vita, non richiedendo per l’effetto una completa sostituzione nell’immediato”. Il dibattito si è concluso con la presa d’atto che al di là degli schieramenti la volontà comune è quella di procedere a un fattivo e celere intervento.