Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Ballottaggio, crollo di votanti a Città di Castello e Spoleto

Felice Fedeli
  • a
  • a
  • a

A Città di Castello e Spoleto, i due centri umbri impegnati nel ballottaggio, nel primo giorno di voto ha vinto l’astensionismo. 

 

 

Alle 23 di domenica 17 ottobre infatti aveva votato poco più del 36 per cento degli aventi diritto, dieci punti sotto al primo turno. A Città di Castello addirittura si era recato alle urne solo il 36,76 rispetto al 51,59 di 15 giorni fa. Leggermente meglio a Spoleto dove il calo è stato poco più di sei punti percentuale (35,11 rispetto al 41,94 del primo turno). Lunedì 18 si vota dalle 7 alle 15 e poi si saprà chi avrà vinto tra Luca Secondi e Luciana Bassini a Città di Castello, e tra Andrea Sisti e Sergio Grifoni a Spoleto. Lo scrutinio, infatti, comincia subito dopo la chiusura dei seggi.
Nella giornata di domenica 17 è filato via tutto liscio nei 96 seggi sparsi nella quarta e quinta città dell’Umbria. Con la sola eccezione della sezione 18 di via Visso a Spoleto.

 

 

Nella città del Festival anche al ballottaggio sorpreso un elettore a fotografare la scheda di voto con lo smartphone. Stavolta nei guai è finita una spoletina di 40 anni che intorno all’ora di pranzo si è recata nella sezione 18 di via Visso. Una volta entrata nella cabina la donna ha espresso la propria preferenza e poi ha scattato una foto, ma il click è stato nitidamente avvertito dalla commissione. Il presidente di seggio ha quindi proceduto ad annullare il voto della donna e a chiedere l’intervento della polizia, con gli agenti che hanno identificato la quarantenne a carico della quale nelle prossime ore sarà formalizzata la denuncia. Stessa sorte è toccata all’agente in pensione della penitenziaria che il 3 ottobre scorso, seggio 8 di piazza XX Settembre, è stato sorpreso a fotografare la scheda, ma in quel caso il presidente di seggio, dopo aver fatto cancellare la foto all’elettore, gli ha permesso di imbucare la scheda.