Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Meteo, le previsioni: prima raffica artica, poi arriva la tipica "ottobrata" con temperature miti

  • a
  • a
  • a

In queste ore un vortice ciclonico sta interessando le regioni meridionali con piogge diffuse, nel frattempo sul resto d’Italia avanza l’alta pressione oceanica. Il sito IlMeteo.it segnala che precipitazioni diffuse con temporali interesseranno ancora la Sicilia e localmente la Calabria, piovaschi invece sul resto del Sud. Venti forti di grecale con raffiche fino a 80 km/h sferzeranno le coste adriatiche centro-meridionali, quelle tirreniche e quelle ioniche. Ben soleggiato sul resto d’Italia, ma farà piuttosto freddo: infatti al primo mattino si registrano temperature decisamente invernali con 3-5°C in città come Torino, Milano, Bologna, Firenze e Roma. Da domani e soprattutto nel weekend l’alta pressione delle Azzorre avanzerà gradualmente su gran parte delle regioni portando una stabilità atmosferica che potrebbe durare per parecchi giorni. Inizierebbe così la tipica "ottobrata" con temperature decisamente miti di giorno (fino a 20-22 gradi) e fredde di notte.

 

Al Centro e sulla Sardegna cielo generalmente sereno salvo addensamenti anche estesi ma innocui sull’Abruzzo. Temperature in calo. Venti generalmente da nord-est, in lenta attenuazione sulle centrali peninsulari. Mari generalmente molto mossi. Nubi compatte su Marche e Abruzzo con piogge o brevi rovesci, a carattere nevoso oltre 1700 metri e in miglioramento pomeridiano da nord; ampio soleggiamento sulle restanti regioni peninsulari salvo addensamenti al mattino su Umbria e Lazio-centro-meridionale; sulla Sardegna nuvolosità irregolare anche intensa con isolate piogge o rovesci al mattino sul settore nord e, nel pomeriggio, anche a carattere temporalesco, su quello orientale e meridionale, in contemporaneo miglioramento da nord con schiarite sempre più ampie.

 

 

 

Temperature minime in calo su Abruzzo e in lieve aumento su Sardegna, coste laziali e sul resto della Toscana; massime in calo. Venti deboli settentrionali. Mari mossi, da molto mossi ad agitati, a largo, mare e canale di Sardegna.