Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Orvieto, chiusi sei sportelli bancari: ecco dove, la protesta dei residenti

  • a
  • a
  • a

L’annunciata razionalizzazione delle filiali bancarie è diventata realtà. Da ieri mattina, infatti, gli sportelli di Alviano, Montecchio, Montegabbione, Porano, Montefranco e Terni Cospea della Cassa di Risparmio di Orvieto sono rimasti chiusi. Venerdì scorso è stato l'ultimo giorno di apertura e dai ieri l'utenza ha toccato con mano l'assenza di un servizio. A Montegabbione – dove oltre 70 anni fa l’apertura della banca in piazza della Libertà, fu salutata con una vera festa di paese – sono stati affissi un paio di cartelli sui cancelli d'ingresso della filiale con su scritto “Noi vogliamo la nostra banca qui!”. E si è costituito anche un gruppo spontaneo di cittadini che “non ci sta alla chiusura di sei filiali di una banca che, come fondamento, ha proprio la capillarità sul territorio”. "Nata e sviluppata per offrire servizi nei piccoli Comuni - affermano dal gruppo - adesso decide di tagliare le filiali perché, si apprende, in perdita".

 

 

Nel corso dell'incontro avuto con il direttore generale di Cro, Emanuele Stefano Carbonelli, per capire le motivazioni della decisione, è stata avanzata la proposta di riattivare il servizio a giorni alterni. “Chiediamo l'appoggio – affermano dal comitato – di chi ancora crede che i piccoli paesi siano una ricchezza e siano posti in cui si può vivere. Chiediamo, quindi, di osservare da vicino la situazione di Montegabbione, così come degli altri piccoli paesi, di considerare attentamente l'impatto che ha e avrà il non intervenire oggi su questa decisione di chiusura, per la vita quotidiana dei suoi cittadini, per le sue attività, per le sue associazioni e per tutti coloro che semplicemente hanno bisogno di un servizio come questo. Ci appelliamo alle forze politiche, agli amministratori locali e regionali, ai parlamentari a chi sostiene e crede nella politica di mantenimento dei servizi sul territorio”. Per quanto riguarda Montegabbione l'opzione ancora aperta è di avere, almeno per due o tre giorni a settimana, un presidio costituito da uno sportello al pubblico distaccato dalla filiale di Fabro, presso la quale sono migrati i conti dei correntisti di Montegabbione.

 

 

La situazione si definirà in alcune settimane, certamente prima di fine anno. Contestualmente il sindaco, Fabio Roncella, si è attivato per ottenere l'installazione di uno sportello automatico Postamat presso l'ufficio postale. A Porano, intanto, a seguito dei contatti avuti con la direzione di filiale di Poste Italiane, il Comune è stato informato della procedura di potenziamento dell'ufficio postale per i positivi risultati conseguiti in termini di utenza e di servizi in questi ultimi anni. Nel mese di luglio il primo cittadino, Marco Conticelli, aveva avanzato la richiesta a Poste Italiane per l'installazione di uno sportello Postamat a vantaggio dei cittadini e degli utenti che provengono dalle vicine frazioni di Orvieto.