Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Covid, Umbria: al via terza dose per ospiti e operatori Rsa. Intanto calano contagi e ricoveri

  • a
  • a
  • a

Prenderà il via domani in Umbria la somministrazione della terza dose del vaccino anti-covid destinata agli ospiti e operatori dei presidi residenziali per anziani. Si tratta, secondo quanto riferito dall’assessorato regionale alla salute, di 6108 persone. Le somministrazioni inizieranno in tutti i distretti in maniera autonoma, con il contributo dei team della Difesa. I team mobili dell’esercito saranno tre e inizieranno con la vaccinazione nelle strutture dell’Alto Tevere, del Perugino e Folignate.

 

 

E intanto ci sono buone notizie per quanto riguarda l'emergenza Coronavirus nella nostra Regione. Secondo gli ultimi dati, scendono sotto quota 700 i positivi al virus e sono in calo anche i ricoverati. È quanto emerge dal report giornaliero sull’andamento della situazione sanitaria, diffuso dalle autorità. Negli ospedali umbri risultano ricoverati per Covid 46 pazienti, quattro in meno rispetto a ieri, di cui cinque, dato invariato, in terapia intensiva. Questi ultimi, riferisce la regione, sono tutti over 50 non vaccinati. Gli attualmente positivi sono 672, 34 unità in meno rispetto a ieri. Nelle ultime ventiquattro ore sono stati rilevati 12 nuovi positivi e 46 guariti. Fortunatamente non si registrano nuovi decessi.

 

 

E intanto ha raggiunto quota 86.248.544 il numero delle vaccinazioni somministrate in Italia, secondo i dati diffusi dal Ministero della Salute e aggiornati a oggi. Sono 45.751.803 gli italiani ad aver ricevuto almeno una dose, l'84,71% della popolazione over 12. Chi invece ha completato il ciclo vaccinale è l'80,09% della popolazione over 12, pari a 43.255.462 di persone. Sono inoltre 304.359 soggetti, il 4,02% della popolazione, ad aver ricevuto la dose aggiuntiva o di richiamo. Le regioni con la percentuale maggiore di somministrazioni rispetto alla dotazione sono Toscana (90,5%), Molise (90,3%), Emilia Romagna (89,9%), Valle d’Aosta (88,9%) e Umbria (88%), quella con la minore percentuale è il Lazio (82%).