Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Terni, maxi torre per il wi-fi a Gabelletta, iniziati i lavori: residenti sul piede di guerra

Simona Maggi
  • a
  • a
  • a

Sono iniziati i lavori per l'installazione di una stazione Wi-Fi in banda 5.600 nel quartiere di Gabelletta a Terni. La torre di 36 metri si trova in strada Vallemicero a ridosso del campo sportivo “Mirko Fabrizi”. Grande delusione e rabbia da parte del comitato No torre Wi-Fi a Gabelletta.

“Da oltre una settimana abbiamo inviato al protocollo del Comune - spiegano dal comitato - una Pec con allegata la petizione di quasi 200 firme raccolte fra i cittadini residenti nel quartiere di Gabelletta, dove sorgerà una nuova antenna con predisposizione per la telefonia cellulare con tanto di torre alta 36 metri a ridosso di case e adiacente ad un campo da calcio frequentato da numerosi bambini. Firme raccolte in meno di una settimana, al fine di chiedere con urgenza un confronto con l'amministrazione comunale e un chiarimento circa le caratteristiche e l'impatto che tale struttura avrà sul futuro degli abitanti del quartiere di Gabelletta”.

 

I cittadini lamentano il fatto di non aver ricevuto alcun riscontro alla Pec. “La nostra richiesta è quella di essere informati - continuano - sulla valutazione degli aspetti di impatto ambientale, paesaggistico e sanitario che porterà l'installazione di una simile struttura, anche alla luce della presenza di un'altra torre ripetitore Gsm nelle vicinanze di dove sorgerà il nuovo traliccio. Non abbiamo potuto consultare alcuno stralcio di documentazione in merito ai relativi pareri degli enti preposti, a cominciare da Arpa. Il Comune di Terni tra l’altro sembra non aver adottato alcun regolamento per assicurare il corretto insediamento urbanistico e territoriale di questi impianti e minimizzare così l’esposizione della popolazione ai campi elettromagnetici. Intendiamo con ciò rilanciare la richiesta di un confronto con l’amministrazione comunale”.

 

Ad occuparsi della questione anche il referente Codici Umbria, Massimo Longarini, e il referente regionale del Movimento Sociale Fiamma Tricolore, Niccolò Francesconi, che chiedono l'apertura di un tavolo di confronto istituzionale urgente con comitato, cittadini, Arpa, Comune e tutte le istituzioni per fare chiarezza riguardo la torre Wi-Fi che si vuole costruire nella zona di Vallemicero di Gabelletta.