Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Elezioni in Umbria, più di 117 mila al voto per scegliere dodici sindaci. Seggi aperti oggi e domani: orari e misure anti Covid

Felice Fedeli
  • a
  • a
  • a

Sono 117.444 gli elettori umbri interessati dalla tornata amministrativa di oggi e domani. Eleggeranno 12 sindaci e altrettanti consigli comunali, perchè 12 sono i centri interessati: Assisi, Bettona, Bevagna, Città di Castello, Nocera Umbra e Spoleto in provincia di Perugia; Amelia, Avigliano Umbro, Castel Giorgio, Montecastrilli, Otricoli e Parrano. Nella giornata di ieri sono stati allestiti tutti i 173 seggi spalmati sul territorio umbro.
CANDIDATI SINDACO Per 12 fasce corrono in 39. Quattro a Città di Castello: Andrea Lignani Marchesani, Luciana Bassini, Roberto Marinelli e Luca Secondi. Sette a Spoleto: Sergio Grifoni, Andrea Sisti, Rosario Murro, Giancarlo Cintioli, Diego Catanossi, Paolo Imbriani e Maria Elena Bececco. Cinque ad Assisi: Luigino Ciotti, Stefania Proietti, Marco Cosimetti, Roberto Sannipola e Francesco Fasulo. Per completare la provincia di Perugia, quattro a Bettona: Lucio Bambini, Gian Luca Schippa, Valerio Bazzoffia e Lamberto Marcantonini; tre a Bevagna: Mario Lolli, Annarita Falsacappa ed Elisa Fioroni Torrioni; due a Nocera Umbra: Massimo Montironi e Virginio Caparvi. In provincia di Terni tre candidati ad Amelia: Laura Pernazza, Pompeo Petrarca e Piero Bernardini.Idem a Montecastrilli: Benedetta Baiocco, Riccardo Aquilini e Carlo Mancini. Sfida a due nei quattro Comuni restanti: Avigliano Umbro (Luciano Conti vs Roberto Pacifici), Otricoli (Antonio Liberati vs Luca Papi), Castel Giorgio (Andrea Garbini vs Vincenzo Batella) e Parrano (Valentino Filippetti vs Carlo Cecci).

 


SISTEMI ELETTORALI Soltanto in tre Comuni, quelli con più di 15 mila abitanti, sarà necessario il ballottaggio se nessuno dei candidati sindaco raggiunge il 50% più uno dei voti. Scenario possibile a Città di Castello, Spoleto e Assisi in ordine di grandezza.Il ballottaggio è fissato nei giorni di domenica 17 e lunedì 18 ottobre. Nei nove Comuni sotto i 15 mila abitanti, l'elezione avviene in un unico turno sia per il sindaco che per i consigli. Vince il candidato sindaco che raccoglie la maggioranza relativa dei voti secondo un sistema maggioritario. Ad ogni candidato sindaco è collegata sempre e solo una lista, con un numero di candidati al consiglio comunale non superiore ai seggi disponibili. Alla lista che elegge il sindaco spettano così i 2/3 dei seggi disponibili, mentre gli altri sono divisi in modo proporzionale tra le liste che hanno preso parte alla contesa. 
GLI ORARI I cittadini aventi diritto potranno recarsi ai seggi elettorali dalle ore 7 alle ore 23 di oggi e dalle ore 7 alle ore 15 di domani. A seguire inizierà subito lo scrutinio.
ACCESSO AL SEGGIO Ad ogni elettore viene chiesto di evitare di recarsi al seggio nel caso di febbre oltre i 37.5 gradi - il Cts non ha ritenuto necessaria la misurazione della temperatura corporea all’entrata - o sintomi di problemi respiratori. Altra regola è che non sia stato sottoposto a quarantena o ad isolamento domiciliare negli ultimi 14 giorni e che, sempre negli ultimi 14 giorni, non sia stato a contatto con persone positive al Covid. L’accesso al seggio dovrà avvenire indossando correttamente la mascherina

 


IL VOTO Una volta dentro, l’elettore dovrà igienizzarsi le mani con il gel apposito messo a disposizione da chi ha allestito i locali in prossimità della porta. Dopo essersi avvicinato ai componenti del seggio per la consueta identificazione e prima di ricevere la scheda e la matita, l’elettore dovrà igienizzarsi di nuovo le mani. Entrato in cabina, una volta votato e ripiegato la scheda, l’elettore la inserirà personalmente nell’urna.

RICOVERATI IN QUARANTENA Gli elettori positivi al Covid in trattamento nelle strutture ospedaliere o al proprio domicilio e tutti coloro che si trovano in isolamento fiduciario possono esercitare il loro diritto di voto tramite appositi seggi speciali istituiti nei nosocomi. Nei comuni sprovvisti di ospedale saranno istituite sezioni speciali con questo compito. 

I COMPONENTI DEL SEGGIO I componenti dei seggi devono indossare la mascherina, che andrà sostituita ogni 4-6 ore. Devono mantenere la distanza di almeno un metro dagli altri componenti e igienizzare frequentemente le mani. Per le operazioni di spoglio delle schede è consigliato l’utilizzo dei guanti. 
GREEN PASS Il 15 ottobre il green pass diventerà obbligatorio per tutti i lavoratori pubblici e privati. Questo significa che, mentre al primo turno per i componenti del seggio, assimilati ai dipendenti pubblici, non sarà necessario possedere la certificazione verde che attesta la vaccinazione, per il secondo turno sarà necessaria. Non servirà per gli elettori, neanche al ballottaggio.