Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Perugia, terze dosi vaccino Covid: file nell'hub di San Marco. Regione: “Rispettate orari riportati nell'sms”

Sabrina Busiri Vici
  • a
  • a
  • a

La campagna delle terze dosi è iniziata con una mattinata caotica all’hub di San Marco a Perugia. Dalle 8,30 a mezzogiorno di sabato 2 ottobre nel punto vaccinale sono confluiti centinaia di utenti, in possesso di prenotazione, per lo più persone ultra ottantenni tutte con un appuntamento riferito alle prime fasce orarie della giornata. La concentrazione di prenotazioni ha creato file e assembramenti all’ingresso e attese prolungate all’interno. 

 

 

“Ho accompagnato mia madre di 86 anni al punto vaccinale di San Marco con prenotazione alle 8,30: abbiamo atteso fuori in fila insieme a un centinaio di persone fino alle 10,45 e una volta entrate siamo riuscite a completare le procedure di vaccino intorno a mezzogiorno. Ho pure dovuto chiedere una carrozzina per farla sedere durante le ore di fila perché mia madre non ce la faceva. Tra l’altro unica carrozzina a disposizione che ho avuto la prontezza di chiedere”. A raccontare la storia è una donna, che preferisce non rilasciare il nome, ma il suo resoconto coincide con quello di altre persone che si sono ritrovate in piedi in fila. Per lo più, come si diceva, anziani con i loro accompagnatori. “Evidentemente da una parte sono state fatte troppe prenotazione alla stessa ora e d’altra c’era poco personale a disposizione - precisa la donna -: gli ambulatori riservati agli anziani erano solo due almeno inizialmente”. Si ricorda che in piena operatività il punto vaccinale di San Marco ha attive 14 postazione.

 

 

Anche il commissario Covid, Massimo D’Angelo, si è recato sul posto: “Stiamo verificando tutti gli elementi e valutando le motivazioni - ha detto raggiunto al telefono - che hanno causato questo problema peraltro circoscritto alla sola mattinata: a mezzogiorno le file erano già state smaltite”. E proprio al fine di evitare criticità la Regione Umbria ha inviato una nota raccomandando ai cittadini che hanno prenotato la somministrazione di rispettare l’orario scritto nel messaggio sms. E’ importante, infatti, considerare l’sms. “Coloro che invece si presentano senza appuntamento ai punti vaccinali - si legge nella nota - dovrebbero evitare di concentrare la presenza nelle prime ora della mattina, ma di usufruire di tutto l’orario di apertura. Il tutto al fine di evitare code che potrebbero creare disagi agli utenti e agli operatori”.