Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Giano dell'Umbria, frontale tra auto: muore pensionato

  • a
  • a
  • a

Ennesimo schianto mortale sulle strade dell’Umbria a perdere la vita è stato un uomo di 78 anni che con la sua auto è finito contro un altro veicolo.  Un terribile impatto che non gli ha lasciato scampo. 
L’incidente si è verificato nella frazione di Casa Naticchia nel pomeriggio di venerdì 1 ottobre intorno alle 16, nel comune di Giano dell'Umbria. A scontrarsi due automobili una Fiat Panda e una Alfa Romeo Giulietta.  Secondo una ricostruzione di quanto accaduto l’auto guidata dall’anziano avrebbe invaso la corsia opposta finendo quindi contro l’altro veicolo che in quel momento stava transitando sulla strada. 
Inevitabile l’impatto che quindi non ha lasciato scampo all’anziano deceduto sul colpo. Inutili si sono purtroppo rivelati i soccorsi che per il settantottenne non hanno potuto fare più nulla. L’uomo a causa dell’impatto è rimasto incastrato nelle lamiere dell’auto ed è stato necessario richiedere l’intervento dei vigili del fuoco.  Sul posto per ricostruire l’esatta dinamica di quanto accaduto sono intervenuti i carabinieri dell’Aliquota radiomobile insieme ai militari della stazione di Giano dell’Umbria. 

 

 

Come detto per l’anziano non c’è stato nulla da fare, sul corpo della vittima è stata disposta l’autopsia. Non si esclude infatti che l’anziano possa aver avuto un malore poco prima dell’incidente, ma per stabilirlo sarà necessario eseguire l’esame sul corpo dell’uomo. 

 

 

Non si ferma purtroppo la scia di sangue sulle strade della nostra regione. Solo martedì sera a perdere la vita era stato un giovane di 18 anni a San Martino in Colle mentre era in sella al suo scooter. Solo nel mese di settembre si contano ben dieci morti per incidenti stradali. Un tragico bilancio che inoltre conta in totale dall’inizio dell’anno ben 29 sinistri letali. Dalle forze dell’ordine più volte è stato ribadito che tra le principali cause degli scontri sulla strada ci sono la velocità dei veicoli, spesso oltre i limiti consentiti e anche le distrazioni che possono derivare dall’utilizzazione del telefonino mentre si è alla guida.