Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Terni, è morto Luigi Agarini: fu presidente della Ternana e tra i proprietari dell'acciaieria

Giorgio Palenga
  • a
  • a
  • a

E' morto a 85 anni Luigi Agarini, figura di primissimo piano nel mondo dell'industria e dello sport a Terni a cavallo degli anni '90 e 2000.

Fu infatti nel 1994 che Agarini, in una compagine societaria composta dagli altri industriali Krupp, Falck e Riva, ognuno al 25 per cento, acquisì dall'Iri la proprietà dell'acciaieria, detenendola fino al 2001, quando venne interamente rilevata dalla proprietà attuale - la ThyssenKrupp - che proprio in questi giorni ha ufficializzato l'avvenuto accordo per la vendita al Gruppo di Giovanni Arvedi.

 

 

Il nome di Luigi Agarini, che venne apprezzato ed è ancor oggi ricordato per il suo profilo di imprenditore gentiluomo, sempre dai toni pacati e contraddistinti da grande stile ed educazione, è comunque indissolubilmente legato a Terni per la sua esperienza di patron e presidente della Ternana, con la quale si fermò solo a un passo dalla promozione in serie A. Agarini rilevò la maggioranza del pacchetto azionario del club rossoverde nella stagione 1997-98, quando le Fere militavano in serie C2, subentrando all'immobiliarista Alberto Gianni. Alla fine di quell'anno, con allenatore Luigi Del Neri, festeggiò la promozione nella serie superiore, grazie allo spareggio nella gara play off contro la Nocerina, ad Ancona.

L'anno dopo, in serie C1, fu un'altra trionfale cavalcata verso la serie cadetta, ancora con Del Neri in panchina, mentre la prima annata in serie B (1999-2000), iniziata con in panchina Antonello Cuccureddu, portò a una salvezza sofferta. Venne richiamato in corso d'opera Del Neri, che nel frattempo si era accordato con l'Empoli ma non aveva neanche iniziato il campionato, quindi alla fine Vincenzo Guerini.

Furono però le stagioni seguenti le più importanti per i colori rossoverdi, in particolare il torneo 2000-2001, allenatore Andrea Agostinelli e direttore generale Paolo Borea, che vide la Ternana lottare fino all'ultimo e sfiorare la promozione in serie A.

 

 

Buonissimi furono anche i tornei seguenti, con in panchina Mario Beretta, direttore sportivo Stefano Capozucca, che la Ternana condusse sempre nelle prime posizioni, almeno fino a gennaio del 2004 quando, complice una crisi che riguardò le aziende del suo gruppo industriale, Agarini gradualmente di disimpegnò dal calcio ternano. Fino a lasciare a una serie di intermediari di Edoardo Longarini che, successivamente, attraverso i suoi figli, gestirà la Ternana fino a quattro anni fa, quando passò la mano all'attuale proprietà di Stefano Bandecchi e della sua Università Niccolò Cusano.

E' proprio la Ternana a ricordarlo sul suo sito ufficiale: "Il presidente Stefano Bandecchi, il vice presidente Paolo Tagliavento ed ogni componente della Ternana Calcio ricordano con affetto Luigi Agarini, scomparso questa notte. Alla sua famiglia vanno le più sentite e commosse condoglianze".