Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Umbria, arriva il bonus bebè per 800 famiglie: i requisiti e come ottenerlo

  • a
  • a
  • a

Bonus da 500 euro per 800 famiglie umbre che hanno avuto uno o più figli nati nel periodo compreso tra il primo ottobre 2020 e il 30 settembre 2021. Per finanziare la misura la Regione ha stanziato quasi 400 mila euro. Il provvedimento - che era stato già annunciato nei mesi scorsi - è stato approvato nel corso della giunta di ieri pomeriggio. Oltre al periodo di nascita, criterio per accedere al beneficio economico è il possesso della residenza in uno o più comuni umbri da almeno cinque anni continuativi mentre la graduatoria sarà stabilita in base all’Isee ordinario del nucleo familiare che, in ogni caso, non dovrà essere superiore ai 40.000 euro. La domanda potrà essere inoltrata attraverso la piattaforma informatica raggiungibile nel link che verrà indicato nell’apposito avviso a breve pubblicato. Entro 60 giorni sarà stilata e pubblicata la graduatoria degli aventi diritto. 

 

 

 

Un intervento a sostegno della famiglia che vuole almeno in parte arginare le conseguenze demografiche, dirette e indirette, che la pandemia ha avuto anche sul territorio regionale. Gli ultimi dati Istat parlano di poco più di cinquemila nascite nel 2020 e di un numero medio di figli per donna sceso, nello stesso anno, a 1,15 (era 1,2 nel 2019). Lo scorso luglio, nell’annunciare il reperimento delle risorse necessarie grazie al contenimento della spesa, la presidente Donatella Tesei aveva posto l’accento sull’impegno della Regione per superare questo “inverno demografico”. “Faremo di tutto per incentivare la natalità - aveva spiegato - per trattenere i nostri giovani con proposte di studio e lavoro di livello per far far arrivare anche famiglie da fuori. Perché qui si vive bene ma si può anche studiare bene con una delle università migliori d’Italia”. Una misura auspicata da più parti anche per far fronte alle difficoltà di ogni giorno. “Va tenuto presente - viene sottolineato nella delibera regionale - che la nascita di un figlio ha un impatto economico importante sul nucleo familiare. Aumentano le spese necessarie e diventa più forte la necessità di conciliare la vita lavorativa con quella familiare.  Esigenze che possono anche compromettere gli equilibri del nucleo stesso”. L’una tantum da 500 euro vuole essere proprio un sostegno per eliminare gli ostacoli di natura economica e sociale che impediscono, o rallentano, la costituzione e lo sviluppo di nuove famiglie.

 

 

 

“La Regione Umbria - si legge ancora nella delibera - garantisce anche una buona offerta di servizi, a partire da quelli per la prima infanzia e molteplici sono le misure messe in atto nell’area sociale e socio educativa”.